Featured home Home cinema Prove What Hi Fi

A tu per tu con il lettore Ultra HD Blu-ray Panasonic DP-UB9000

Panasonic DP-UB9000

Un evento per la stampa ci ha permesso di prendere confidenza con il lettore Ultra HD Blu-ray Panasonic DP-UB9000, atteso sul mercato tra agosto e settembre a un prezzo di 999 euro. Ne varrà la pena?

Arroccato in cima alla gamma dei lettori Ultra HD Blu-ray di Panasonic per il 2018, il DP-UB9000 arriverà in Italia tra agosto e settembre a un prezzo di listino di 999 euro. Cifra impegnativa (nonostante si parli di un top di gamma) che ci fa sorgere spontanea una domanda: ne varrà la pena? Per capirne un po’ di più, siamo stati a un evento Panasonic in Gran Bretagna per vedere più da vicino questo lettore di fascia alta. Ecco le nostre prime impressioni.

Design e costruzione

Le prime impressioni del Panasonic DP-UB9000 sono quelle di un dispositivo quanto mai solido e imponente, anche se come nella maggior parte dei casi quando si parla di lettori Ultra HD Blu-ray, il design è più funzionale che elegante. La sensazione però è che questo nuovo top di gamma del produttore nipponico rappresenti un piccolo passo avanti sul versante estetico rispetto al predecessore DMP-UB900, che costava circa 800 euro quando uscì nel 2016.

A tu per tu con il lettore Ultra HD Blu-ray Panasonic DP-UB9000

Comprensibilmente, date le sue credenziali di fascia alta (e senza dimenticare il prezzo), l’UB9000 ha ricevuto molta attenzione a livello di design e costruzione. Il lettore utilizza infatti uno chassis a due strati estremamente rigido che aiuta a ridurre rumore e vibrazioni e permette di avere un centro di gravità più basso. L’unità disco del lettore è montata centralmente e si avvale di una piastra in acciaio spesso per ridurre vibrazioni e rumore durante la rotazione del disco. Sel’UB900 aveva un unico alimentatore sia per le sue sezioni digitali, sia per quelle audio, il circuito audio dell’UB9000 ha il proprio alimentatore dedicato per massimizzare la qualità del suono.

Caratteristiche

Panasonic ha tenuto a sottolineare che il lettore visto e provato in questa anteprima per la stampa non è la versione definitiva che arriverà sul mercato tra un paio di mesi, visto che alcune funzionalità non sono state ancora abilitate o certificate. Alla sua uscita dovremmo comunque trovare già il supporto al Dolby Vision e all’HDR10+, oltre a servizi di streaming 4K integrati come Amazon Prime Video e Netflix e alla certificazione THX.

Purtroppo il chipset del Panasonic DP-UB9000 non supporta la riproduzione di DVD Audio e SACD (nessun problema invece con i Blu-ray 3D), ma Panasonic ha fatto capire di essere al lavoro su un nuovo lettore che soddisferà comunque i fan di questi due supporti audio ormai un po’ in disuso. Come ci si aspetta da un top di gamma, il Panasonic DP-UB-9000 non ha problemi a riprodurre tutti i i principali formati audio tra cui WAV, FLAC, AIFF e AAC. C’è anche il supporto per l’audio ad alta risoluzione (DSD incluso), ma non ci sono piani per rendere la macchina compatibile con i file MQA. Il cuore del lettore è il motore di elaborazione HCX (Hollywood Cinema Experience) di seconda generazione, la cui prima versione aveva debuttato a bordo del DMP-UB900.

A tu per tu con il lettore Ultra HD Blu-ray Panasonic DP-UB9000

All’interno del lettore troviamo poi un DAC di alta qualità a 32 bit/768 kHz, connessioni XLR bilanciate e connessioni RCA sbilanciate, un set completo di uscite analogiche a 7.1 canali e doppie uscite HDMI in modo da poter separare i segnali audio e video. Una delle caratteristiche chiave che Panasonic ha desiderato sottolineare è l’HDR Optimiser, che secondo il produttore è in grado di migliorare la mappatura della tonalità statica all’interno di un segnale video HDR10 tenendo conto dei limiti di luminosità del display.

Questo ottimizzatore (che ricordiamo essere disponibile anche sul più economico Panasonic DP-UB820) può essere attivato o disattivato a piacimento e impostato a vari livelli per soddisfare le esigenze di diversi tipi di display, dai televisori OLED ai proiettori. Se state invece guardando dei contenuti con metadati dinamici (Dolby Vision o HDR10+) su un televisore compatibile, l’HDR Optimiser viene automaticamente disabilitato.

Qualità audio e video

La demo mostrata da Panasonic è stata breve ma interessante e ha riguardato principalmente proprio l’impatto dell’HDR Optimizer. Il lettore era collegato a uno dei televisori OLED premium del produttore nipponico e nel corso della presentazione sono state mostrare due brevi clip tratte dall’Ultra HD Blu-ray di Pan.

A tu per tu con il lettore Ultra HD Blu-ray Panasonic DP-UB9000

A un certo punto gli ingegneri di Panasonic hanno messo in pausa la riproduzione su una scena con inquadrature ravvicinate degli attori davanti a uno sfondo di nuvole e sole. L’HDR Optimiser attivato sembra aver tolto un po’ di luminosità e impatto del sole, con il risultato di una migliore gradazione del colore e una maggiore definizione attorno ai bordi delle nuvole e del sole stesso.

Uno degli effetti collaterali nell’abilitare l’HDR Optimiser è la comparsa di una piccola quantità di judder quando si tratta di gestire le panoramiche più lente, ma sarà più facile raggiungere una conclusione definitiva quando avremo passato un po’ di tempo con la versione finale del lettore. Per la demo audio il lettore è stato invece collegato a un sistema Technics composto da un amplificatore stereo e una coppia di grandi diffusori da pavimento. Abbiamo ascoltato una piccola selezione di brani che hanno spaziato da Beethoven al jazz, fino ad una cover acustica di California Dreamin dei The Mamas & The Papas.

A tu per tu con il lettore Ultra HD Blu-ray Panasonic DP-UB9000

Il Panasonic DP-UB9000 ha messo in mostra un soundstasge solido e di peso, con i colpi della ben definiti e potenti e le voci relativamente chiare ed espressive. Se le sue prestazioni audio surround saranno vicine a quelle che abbiamo sentito in semplice stereo, l’UB9000 potrebbe benissimo sfidare ad armi pare i suoi più diretti rivali.

Verdetto anticipato

Con il triste destino che è toccato a Oppo, chi vuole una sorgente video di fascia alta non ha molto da scegliere in questo momento. Ci sono il Cambridge CXUHD e il Sony UBP-X1000ES, ma entrambi questi lettori costano dai 150 ai 200 euro in meno rispetto al Panasonic DP-UB9000, che dovrà quindi giustificare il costo aggiuntivo. Se riuscirà a farlo, e se non vi interessano SACD e DVD Audio, potremmo davvero avere per le mani il lettore Ultra HD Blu-ray top di gamma perfetto… o quasi.

© 2018, AF Digitale. Tutti i prodotti sono stati provati nelle apposite sale di ascolto e di visione di A tu per tu con il lettore Ultra HD Blu-ray Panasonic DP-UB9000 e A tu per tu con il lettore Ultra HD Blu-ray Panasonic DP-UB9000 dal team editoriale con sede nel Regno Unito.


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest