UNIVERSALGRANDE CINEMA 4K
AF Focus Featured home Tecnologie Tendenze

Speaker wireless: guida e consigli per l’acquisto

speaker wireless

Orientarsi oggi nel mercato degli speaker wireless sta diventando quasi un’impresa e per questo vi diamo utili consigli per comprare il modello più adatto a voi

Gli speaker wireless una volta erano noti per dare la priorità alla convenienza rispetto alla qualità del suono, ma questo aspetto è cambiato da tempo. Mantenendo la facilità d’uso, la connettività semplice e i design che li rendono così popolari, gli speaker wireless si sono evoluti per offrire un’eccellente qualità del suono e i migliori sono abbastanza buoni per essere classificati come speaker hi-fi.

Gli altoparlanti wireless di oggi sono prodotti smart, a volte con assistenti vocali personali e tutte le ultime tecnologie di streaming all’interno. Prendendo atto delle nuove tendenze del design e del modo in cui le persone ascoltano la musica, ora incorporano caratteristiche come impermeabilità, funzionalità multi-room, lunga durata della batteria, controllo vocale e opzioni come AirPlay 2 e Spotify Connect. Ma con un’enorme varietà di speaker wireless sul mercato, come scegliere quello che fa per voi? Ecco qualche consiglio utile per non sbagliare l’acquisto.

Forma e le dimensioni giuste

Speaker wireless: guida e consigli per l’acquisto

Prima ancora che iniziamo a disquisire di aspetti tecnici, la forma e le dimensioni del vostro speaker wireless sono qualcosa che determinerà il modo in cui lo usate. Questi prodotti sono disponibili in tutte le forme e dimensioni: possono essere unità grandi e squadrate, possono essere piccoli e cilindrici. Alcuni sono costruiti per essere robusti e impermeabili, altri mettono lo stile e il design in cima alle loro priorità. Possono persino assomigliare ai dirigibili di inizi ‘900.

Il punto è che gli altoparlanti wireless possono sembrare qualsiasi cosa e di qualsiasi dimensione. Per la camera da letto speaker di dimensioni ragionevoli come Apple HomePod, Sonos One, Sonos One SL, Amazon Echo Dot o Audio Pro Addon C3 sono l’ideale. Se lo speaker sarà invece al primo posto nel vostro salotto, potreste puntare a prodotti più grandi e accattivanti come B&W Formation Wedge, Triangle AIO 3, Dynaudio Music 5, Linn Series 3 o Naim Mu-so Qb (2nd gen).

Speaker wireless: guida e consigli per l’acquisto

Se poi volete che tutti godano di una diffusione uniforme del suono, date un’occhiata agli speaker omnidirezionali come Amazon Echo Studio o qualsiasi modello della gamma di speaker wireless Ultimate Ear. Qualcosa di più portatile? Provate Dali Katch, JBL Charge 4 o Ultimate Ears Megaboom 3. Se siete tipi avventurosi, la costruzione robusta e impermeabile di Ultimate Ears Wonderboom 2, Roll 2 o JBL Flip 5 resisterà a tutti i tipi di colpi, urti, pioggia e schizzi di fango.

Sarà il vostro sistema musicale principale?

Se state cercando uno speaker wireless come sistema musicale principale, preparatevi a spendere un po’ di soldi e a fare spazio nella vostra stanza. Speaker come il Naim Mu-so Qb 2nd gen possono costare un bel po’ (in questo caso parliamo di circa 900 euro), ma la loro qualità del suono giustifica la spesa. Sono un’alternativa praticabile a un sistema hi-fi dedicato, ricco di funzionalità di streaming e riproduzione e portano anche un tocco di stile nel vostro salotto.

Speaker wireless: guida e consigli per l’acquisto

Vi consigliamo comunque di mitigare le vostre aspettative sonore in base alle dimensioni e al prezzo. Non aspettatevi un suono enorme, avvolgente, dinamico e articolato da un piccolo speaker portatile come il Jam Heavy Metal. Aspettatevelo però dai più ambiziosi e costosi Naim Mu-so o Linn Series 3.

Speaker portatile o alimentato dalla rete?

Gli speaker wireless portatili hanno una batteria ricaricabile e quindi non siete legati a una presa di corrente. Potete semplicemente prendere lo speaker e portarlo in giro con voi. A seconda di quanto sia grande, ciò potrebbe significare in un’altra parte della casa, nel giardino o fino alla spiaggia.

Prendete nota della durata della batteria integrata. Cinque ore (che è quello che otterrete dal piccolo JBL Go 2) va bene se ascoltate musica in giardino, ma probabilmente vi serviranno almeno otto ore se lo portate con voi in vacanza. Se è necessario continuare a collegarlo alla rete elettrica ogni poche ore per ricaricarlo, si annulla un po’ il punto di uno speaker portatile, no? Per fortuna, portatile non significa più economico in termini di qualità di costruzione o prezzo. L’ultra-portatile e robusto Ultimate Ears Wonderboom 2 ha una durata di 13 ore, mentre l’elegante Dali Katch cronometra si spinge addirittura fino a 24 ore con una carica completa.

Speaker wireless: guida e consigli per l’acquisto

Gli altoparlanti alimentati dalla rete, come la gamma Sonos, tendono inevitabilmente a funzionare meglio a casa dove non sono tenuti a muoversi troppo. Di solito sono anche più grandi e più costosi delle opzioni portatili (il Devialet Gold Phantom e il B&W Formation Wedge sono casi emblematici) e sono abbastanza esigenti da richiedere una fonte costante di energia per pilotare i driver e raggiungere il loro pieno potenziale sonoro.

Come trasmetterete la musica in streaming?

Una volta che avete deciso come sarà il vostro speaker wireless, dove andrà collocato e a cosa servirà principalmente, la prossima cosa a cui dovete pensare è il metodo di streaming. Come invierete musica dallo smartphone o laptop allo speaker? Vi basterà il Bluetooth standard? Avete investito nell’ecosistema Apple e avete quindi bisogno solo di AirPlay 2? Siete grandi fan di Spotify Connect o Tidal? O stai pensando a un sistema Roon multi-room? La maggior parte degli altoparlanti wireless viene fornita con uno o una combinazione di metodi wireless, quindi ecco una carrellata dei principali protocolli di streaming a cui dovreste fare attenzione in fase di scelta.

Speaker wireless: guida e consigli per l’acquisto

Speaker Bluetooth

Il Bluetooth è la tecnologia più comune che vedrete a bordo degli speaker wireless. È il modo più rapido e semplice per consentire ai vostri dispositivi di comunicare tra loro in modalità wireless, impiegando solo un paio di secondi per associare il dispositivo sorgente allo speaker. Troverete il Bluetooth in quasi tutti gli altoparlanti wireless (di solito è l’unico metodo di streaming in modelli portatili e poco costosi), così come su ormai qualsiasi smartphone, tablet e laptop.

Il Bluetooth standard ha una portata di circa 100 metri, ma usate uno speaker wireless in casa (con tutte le pareti e altri ostacoli) e questa portata diminuisce sensibilmente. All’interno della vostra abitazione potete contare su un raggio di circa 12 metri circa. Il Bluetooth è poi disponibile in una varietà di versioni: aptX e aptX HD sono in grado di riprodurre rispettivamente una qualità audio simile a quella di un CD e migliore del CD (tuttavia avrete bisogno di sorgenti compatibili per sfruttarli). Il Bluetooth 5 è inoltre la versione più recente e migliore come velocità di trasferimento più elevate e una portata maggiore.

Speaker wireless: guida e consigli per l’acquisto

Speaker AirPlay 2

AirPlay 2 è il modo personale di Apple di eseguire lo streaming di file in modalità wireless e funziona solo con i prodotti iOS. Tuttavia, è utile se voi o la vostra famiglia siete già all’interno di un ecosistema di prodotti Apple. In termini di configurazione, AirPlay 2 sfrutta la rete Wi-Fi di casa e quindi assicuratevi solo che il vostro iPhone, iPod o iPad e lo speaker wireless siano sulla stessa rete.

Mentre gli speaker solo AirPlay sono passati di moda (come il B&W Zeppelin Air del 2011), scoprirete che spesso questo protocollo viene aggiunto alla lunga lista di funzionalità degli speaker wireless. AirPlay 2 ora consente anche l’audio multi-room su più speaker e lo troverete a bordo degli speaker Libratone, Devialet, B&W, Naim e Sonos.

Speaker wireless: guida e consigli per l’acquisto

Wi-Fi

Se il vostro speaker wireless ha una porta ethernet e/o Wi-Fi integrato, potete collegarlo direttamente alla rete domestica. I vantaggi? Eseguire lo streaming di brani di qualità superiore a MP3 da qualsiasi sorgente connessa alla stessa rete, ad esempio smartphone, laptop o dispositivo NAS (Network Attached Storage). Quindi, se avete una libreria digitale piena di file rippati da CD e ad alta risoluzione nei formati FLAC, ALAC o WAV, potreste voler cercare speaker wireless che supportano la risoluzione più alta. Il Naim Mu-so, ad esempio, supporta stream audio ad alta risoluzione fino a 24 bit/192kHz. Questi tipi di speaker sono in genere costosi (e occasionalmente richiedono anche un abbonamento di terze parti), ma vale la pena cercarli se si desidera un sistema musicale wireless conveniente ma di prim’ordine.

Speaker Spotify Connect

Se siete avidi utenti di Spotify, vale la pena cercare un altoparlante wireless con Spotify Connect come una delle sue caratteristiche (un numero crescente di modelli inizia a integrarlo, come nel caso del Technics Ottava S SC-C30. In questi speaker è incorporato Spotify, il che significa che i brani non verranno trasmessi in streaming dall’app per smartphone ma direttamente dai server di Spotify nel cloud. Questo libera lo smartphone per tutti gli altri usi (è possibile effettuare chiamate senza interrompere la musica, ad esempio) e non consumare nemmeno la batteria del telefono.

Speaker wireless: guida e consigli per l’acquisto

Un’altra utile funzione è la possibilità di passare da una fonte connessa all’altra e di inviare brani da un altoparlante all’altro con un rapido tocco del pulsante nell’app. È una bella funzionalità che fa una grande differenza quando iniziate a usarla. Avrete bisogno di un abbonamento Spotify Premium (9,99 euro al mese) e di essere connessi a una rete wireless per utilizzare Spotify Connect.

Speaker multi-room

La maggior parte degli altoparlanti wireless in questi giorni ha una qualche forma di capacità multi-room, o almeno ha la capacità di accoppiare due speaker per raddoppiare il suono o sfruttare una configurazione stereo. Sonos e Audio Pro sono gli standard di riferimento per un corretto streaming multi-room in tutta la casa, ma molti diffusori offrono capacità simili, quindi perché non trasformare la vostra casa in un unico hub musicale?

Speaker wireless: guida e consigli per l’acquisto

Più diffusori acquistate, più potete sfruttare le possibilità del multi-room. Collegateli tutti e non vi perderete mai un secondo di musica. Potete anche organizzare il tutto in modo che in ogni stanza ci sia una canzone diversa: situazione perfetta per una famiglia che ama la musica. Il successo di un altoparlante multi-room dipende in gran parte dalla sua app, da quanto è facile connettersi alla rete e da come organizza la vostra musica. Un’esperienza fluida con le app ha portato Sonos a primeggiare in questo settore, sebbene Bluesound sia un’alternativa decente se state cercando una riproduzione audio ad alta risoluzione.

Speaker smart

E non dimentichiamo l’ultima tendenza: gli smart speaker. Si tratta di prodotti con controllo vocale integrato tramite uno dei tanti assistenti personali attualmente disponibili (Alexa, Siri, Google Assistant). Amazon Echo Dot e Google Home Mini sono ideali per aggiungere un tocco di sci -fi a casa vostra e potete collegarli tra loro anche per l’audio multi-room.

Sonos One e Ultimate Ears Megablast offrono prestazioni sonore fantastiche pur avendo il controllo vocale Alexa integrato: è il migliore dei due mondi. C’è insomma molta scelta sul mercato e contando che i prezzi vanno da poche decine di euro fino a diverse centinaia, nessuno rischia di rimanere escluso. Basta solo avere un po’ di pazienza e trovare le migliori offerte in giro.


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest