KOCH MEDIA Grosso Guaio a China Town AF DIGITALE
Featured home HI-FI Prove Traduzioni

Amazon Echo Sub: i bassi ci sono ma non aspettatevi miracoli

echo sub

130 euro per un subwoofer wireless da 100W da inserire in un sistema di speaker Echo non sono molti e la qualità c’è tutta. Basta non aspettarsi miracoli.

Non sappiamo ancora quando Amazon porterà in Italia il suo smart display Echo Show (seconda generazione), l’unico prodotto della gamma Echo a non essere ancora sbarcato dalle nostre parti (lo si trova comunque su Amazon.de a 229 euro). Se comunque volete andare oltre gli Echo Dot, Echo, Echo Plus ed Echo Spot, su Amazon.it troverete anche Echo Sub, un subwoofer wireless venduto a 129,99 euro (ma non escludiamo offerte nell’imminente settimana del Black Friday che inizierà il 19 novembre).

Echo Sub, così come Echo Plus con il suo ingresso audio e con prestazioni sonore tutt’altro che modeste, è un ulteriore segnale di come Amazon, oltre a fare leva sulle capacità di Alexa, voglia assicurare per certi suoi prodotti anche una qualità audio superiore alla media per impensierire non tanto la gamma rivale di Google Home, quanto più gli speaker di Sonos e di altri produttori più attenti alla sfera audio che non a quella smart. E di ciò non possiamo che rallegrarci.

Amazon Echo Sub: i bassi ci sono ma non aspettatevi miracoli

Costruzione

Accoppiato con la seconda generazione dei diffusori Echo o Echo Plus da soli o in coppia (consigliamo caldamente il Plus), questo subwoofer aggiunge un peso considerevole alla presentazione, riuscendo a scendere in gamma bassa fino a 30Hz. Avvolto in tessuto grigio per andare d’accordo con l’estetica degli speaker Echo, Echo Sub integra un woofer da 15 cm rivolto verso il basso e offre 100 W di amplificazione in classe D.

Troviamo poi una porta per l’alimentazione e un solo pulsante, che poi è quello per il pairing allo speaker (o agli speaker). Tutto molto pulito, nitido ed essenziale insomma e anche le dimensioni (20 cm di altezza e 21 cm di larghezza) non rappresenteranno un problema per la sua installazione. Ovviamente avrete bisogno dell’app Alexa per inserire Echo Sub nella vostra rete domestica. Creare un sistema 1.1 o 2.1 è comunque molto semplice; basta solo fare attenzione a selezionare lo speaker corretto per i canali destro e sinistro se avete un set-up stereo con due Echo o due Echo Plus, altrimenti non sentirete un corretto soundstage.

Amazon Echo Sub: i bassi ci sono ma non aspettatevi miracoli

Qualità audio

Abbiamo collegato inizialmente Echo Sub a un Echo Plus e siamo rimasti impressionati dal modo in cui questi due dispositivi wireless si integrano l’un l’altro. La presentazione è “rotonda”, piena e timbricamente bilanciata. Più impressionante, tuttavia, è la performance del subwoofer come parte di un sistema 2.1. L’Echo Plus è un raffinato speaker già da solo, ma non può competere a livello di ampiezza e coinvolgimento con un set-up stereo.

L’aggiunta di un altro Echo Plus e dell’Echo Sub con le sue basse frequenze migliora l’esperienza audio in tutte le direzioni e aggiunge una potenza significativa senza che Echo Sub sia troppo preponderante o invadente. Un sistema 2.1 wireless, specialmente in questa fascia di prezzo (poco più di 400 euro considerando appunto i due Echo Plus e l’Echo Sub), difficilmente impensierirà i leader di stampo hi-fi tradizionale, ma questa composizione va ben oltre le capacità che potevamo aspettarci da Amazon solo pochi mesi fa.

Amazon Echo Sub: i bassi ci sono ma non aspettatevi miracoli

Non tutto è perfetto ovviamente. Echo Sub infatti non merita il massimo della valutazione a causa di una resa leggermente timida e priva di una brillantezza e definizione che, se fossero state maggiori, ci avrebbero convinto per le cinque stelle finali. Resta comunque un degno compagno audio per chi desidera avere la gamma di feature assicurate da Alexa con però un suono più pieno e solido di quanto Echo Plus possa permettersi, anche se la sua relativa “stazza” sonora ci ha convinti solo in parte.

Va però anche detto che alternative più performanti per questo tipo di set-up sono limitate e comunque diverse. C’è sempre la possibilità di aggiungere un economico Echo Dot a un sistema Hi-Fi già esistente per avere al tempo stesso Alexa e una qualità audio di buon livello a cui siete già abituati, oppure rimanere in ambito wireless e rivolgersi a un diffusore come l’eccellente Addon C10 di Audio Pro e abbinarlo all’Addon C-SUB, sebbene così si superino abbondantemente i 700 euro di spesa.

Amazon Echo Sub: i bassi ci sono ma non aspettatevi miracoli

Verdetto

Se avete già un prodotto Echo e volete guadagnare un po’ di peso in fascia bassa, quella di Echo Sub è un’aggiunta ideale che non vi farà certo indebitare visto il prezzo tutto sommato accettabile. Le sue prestazioni audio non sono strepitose e spiace non trovare un ingresso fisico che avrebbe potuto renderlo più versatile e non esclusivo per un sistema Echo, ma pur con questi limiti (e se siete soddisfatti in generale del vostro Echo o Echo Plus), dategli una possibilità.

© 2018, AF Digitale. Tutti i prodotti sono stati provati nelle apposite sale di ascolto e di visione di Amazon Echo Sub: i bassi ci sono ma non aspettatevi miracoli e Amazon Echo Sub: i bassi ci sono ma non aspettatevi miracoli dal team editoriale con sede nel Regno Unito.

  • Immagine
4

Sommario

130 euro per un subwoofer wireless da 100W da inserire in un sistema di speaker Echo non sono molti e la qualità c’è tutta. Basta non aspettarsi miracoli.

Pro
Facile da impostare
Ben integrato nel sistema Echo
Sufficientemente potente

Contro
Non aspettatevi una resa di riferimento
Esclusivo per un sistema Echo

Scheda tecnica
Woofer: 15 cm
Potenza: 100W in classe D
Connettività: Wi-Fi n dual-band
Dimensioni: 20 x 21 x 21cm
Peso: 4.2kg
Prezzo: 129,99 euro
Sito del produttore: www.amazon.it


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest