JBL LINK AUDIOCONNESSO
Entertainment Guida 4K/BD/DVD

Amarcord [Blu-ray]

Amarcord

Amarcord arriva in versione restaurata in Blu-ray da CG Entertainment: l’edizione è buona ma non fa gridare al miracolo.

Nella Rimini dei primi anni ’30 si incrociano le vicende di alcuni abitanti e di una famiglia alle prese con le piccole vicissitudini quotidiane e gli avvenimenti storici dell’epoca. Fellini ha sempre negato che Amarcord fosse frutto di un’ambizione autobiografica dopo gli episodi “reali” (I vitelloni) e “filosofeggianti” (8 ½) della sua produzione precedente, ma tra le pieghe di questa rievocazione dell’Italia fascista tra fiabesco e realismo non si possono non identificare episodi o personaggi (l’amico Titta) che il regista visse sulla propria pelle.

Amarcord [Blu-ray]

Questo attaccamento sentimentale alla giovinezza (spensierata ma non troppo), che si mischia a influenze di Moliere e Goya, senza dimenticare il gusto per la caricatura tipico del regista, rende Amarcord uno dei punti più alti della poetica felliniana, tanto da fargli guadagnare un Oscar come miglior film straniero e da mettere d’accordo una volta tanto persino la critica francese.

Amarcord [Blu-ray]

VIDEO

Amarcord aveva decisamente bisogno tanto di un’edizione HD quanto di un restauro, effettuato previa scansione 4K dei negativi dal laboratorio L’immagine ritrovata di Bologna.
Sebbene pubblicato in due diverse edizioni da Warner in DVD, entrambe provenivano da un master decisamente deficitario proprio dal punto di vista della conservazione, con una quantità di graffi, puntinature e sporcizia davvero sopra la norma anche per un film dei primi anni ’70.
Amarcord [Blu-ray]
Il nuovo telecinema, completamente ripulito, è tutta un’altra storia, eppure il livello di definizione delle immagini appare ben inferiore a quello osservato nelle versioni restaurate de La Dolce Vita e 8 1/2, fatto presumibilmente imputabile a una minor qualità della pellicola stessa utilizzata per le riprese.
Il dettaglio appare decisamente più pronunciato rispetto al passato ma un po’ altalenante lungo la durata del film, passando dalla resa molto buona di alcune scene (la sequenza della nevicata, la parata fascista) ad altre decisamente più morbide che rasentano la sufficienza (molte scene notturne ma anche alcune diurne).
Amarcord [Blu-ray]
Sebbene la resa cromatica sia indubbiamente migliorata, dei neri piuttosto alti e talvolta tendenti al verdognolo o al marrone destano qualche perplessità, così come la compressione che tende ad andare in crisi in alcuni frangenti (la scena della nebbia, pervasa da molto rumore). Certo, meglio avere una scena rumorosa come questa rispetto a una “piallata” dall’utilizzo di filtri per la riduzione del rumore, tuttavia qualche artefatto non è difficile da scorgere nelle scene notturne (soprattutto in quella del blackout).
Amarcord [Blu-ray]
Insomma visti i risultati ottenuti con le pellicole precedenti di Fellini ci aspettavamo qualcosa di più, ma non si può negare che l’edizione sia imprescindibile per gli amanti del regista e sarebbe interessante poter operare un confronto con l’edizione Criterion americana del 2011, antecedente al restauro ma sicuramente proveniente da materiali migliori rispetto alla versione DVD nostrana.
Amarcord [Blu-ray]

AUDIO

CG propone come di consueto l’audio in versione lossy (Dolby Digital 2.0 canali a 224 kbps) ma anche lossless, nello specifico in DTS-HD Master Audio 2.0 canali. L’audio è stato altrettanto soggetto a restauro e presenta una resa più che dignitosa sebbene soggetta a alcuni limiti fisiologici delle pellicole di quegli anni.

Amarcord [Blu-ray]

Certamente apprezzabile la resa dei dialoghi, non del tutto avulsa da sibilanti un po’ accentuate e da qualche momento in cui l’intelligibilità non risulta chiarissima (il dialetto non aiuta), ma non risulta schiacciata sulle frequenze medie quanto in passato. In generale il messaggio sonoro non presenta distorsioni e fruscii evidenti ma solo una certa asprezza nei momenti più concitati. Si nota, a questo proposito, una certa disparità di volume tra le diverse scene, caratteristica peculiare del missaggio originale e che fa emergere una discreta dinamica della traccia.

Amarcord [Blu-ray]

Da notare che rispetto alle tracce monofoniche degli altri film Blu-ray di Fellini testati, qui l’amplificatore non dirotta tutto sul centrale ma permette agli altri diffusori di entrare in gioco sebbene il missaggio non si palesi come stereofonico.

EXTRA

L’unico extra presente nel disco è l’inedito documentario Come spiegare l’Italia agli extraterrestri con interventi di Nicola Bassano, Miro Gori, Paolo Virzì e Goffredo Fofi. 37 minuti di discreto interesse anche se sostanzialmente privi di materiale girato dietro le quinte. Segnaliamo che sul sito di CG Entertainment è disponibile anche l’edizione speciale di Amarcord che include oltre al Blu-ray anche il DVD del film, 3 card da collezione e un ulteriore DVD contenente il documentario di Damian Pettigrew del 2003 Fellini: sono un gran bugiardo, quest’ultimo disponibile anche separatamente

Amarcord [Blu-ray]

TESTATO CON: TV Panasonic VT20E 46”, Blu-ray player Panasonic DMP-BDT310

Blu-ray disponibile su dvd-store.it

Amarcord- Versione restaurata [Blu-ray]
7 Recensione
Pro
Classico rivalutato nel tempo di Fellini
Restauro fondamentale
Traccia italiana lossless
Contro
Resa audio/video con qualche limite
Extra non così corposi
Riepilogo
Prodotto & distribuito da: CG Entertainment
Durata: 125'
Anno di produzione: 1973
Genere: commedia
Regia: Federico Fellini
Interpreti: Pupella Maggio, Magali Noël, Bruno Zanin, Armando Brancia, Ciccio Ingrassia, Nando Orfei
------
Supporto: BD 50
Aspect Ratio: 1.85:1
Codifica Video: 1080/24p AVC
Audio: italiano DTS-HD Master Audio 2.0 & Dolby Digital 2.0 (224 kbps)
Sottotitoli: italiano per non udenti
Qualità artistica
Video
Audio italiano
Audio originale
Extra
Il giudizio di AF

Federico Fellini – L’uomo dei sogni

Amarcord [Blu-ray]

Author: Pietro Battanta

Innamorato di musica e cinema da sempre, passione quest'ultima "degenerata" con l'avvento del DVD e con le impareggiabili lezioni del cinemaniaco dr. Gianni Canova. Con AF dal 2007


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest