JBL LINK AUDIOCONNESSO
Featured home Notizie TV

8K su satellite: in Giappone si parte a dicembre

8k association

Dal 1 dicembre NHK inizierà in Giappone le prime trasmissioni satellitari in 8K al mondo in vista del grande appuntamento delle Olimpiadi di Tokyo 2020.

Se al recente IFA 2018 uno dei protagonisti più chiacchierati è stato l’8K, in molti si sono chiesti che senso abbia annunciare in pompa magna questa tecnologia (come ha fatto Samsung con il suo Q900R in uscita entro fine anno) quando mancano del tutto i contenuti video in 4320p. Domanda lecita (e ce la siamo fatta anche noi) ma che non corrisponde del tutto al vero, visto che a partire dal 1 dicembre di quest’anno l’emittente televisiva giapponese NHK, da sempre molto attiva sul versante 8K (e prima ancora su quello 4K), inizierà le prime trasmissioni satellitari in 8K.

Si parla naturalmente di satellite considerando che un segnale video in 8K viaggia attorno ai 100 Mbps e di un primo esperimento molto di nicchia, nonostante si parli al momento di ben 12 ore di programmazione quotidiana in 8K. I contenuti non si sanno ancora, ma immaginiamo si tratterà soprattutto di demo, documentari e di qualche trasmissione TV, visto che in Giappone ci sono già stati dei test per trasmissioni televisive riprese con camere 8K.

8K su satellite: in Giappone si parte a dicembre

Non dimentichiamo poi che al momento, in attesa del TV Samsung, l’unico televisore 8K sul mercato (anche europeo) è lo Sharp LV-70X500E da 70’’ (12000 euro di listino). Per usufruire di queste prime trasmissioni in 8K, ci vorrà inoltre un apposito decoder satellitare e tra questi ce ne sarà proprio uno di Sharp. Non essendo però dotato di HDMI 2.1 (e nemmeno il TV lo è), per poter visualizzare segnali video in 8K saranno necessari quattro cavi HDMI 2.0b dal decoder al TV, i cui segnali separati saranno poi ricomposti per ottenere finalmente un flusso 8K.

Soluzione non certo pratica, ma si tratta di una situazione “tampone” in attesa dei primi TV e dei primi decoder 8K dotati di HDMI 2.1, standard che potrà gestire benissimo con un solo cavo segnali a 4320p fino a 120 Hz. Quella che NHK chiama Super Hi-Vision non si limiterà però al solo 8K, ma comprenderà anche a una nuova esperienza audio in grado di fornire un massimo di 22.2 canali, soluzione certamente più da cinema che non da impianto casalingo ma che la dice lunga sulle ambizioni tecnologiche di questo nuovo step evolutivo.

8K su satellite: in Giappone si parte a dicembre

Tutto ciò in vista delle Olimpiadi di Tokyo del 2020, le prime che potranno godere almeno in patria di una copertura (non si sa ancora quanto ampia) in 8K. Inutile poi farci illusioni: dalle nostre parti chissà infatti quanto dovremo attendere per TV 8K dai prezzi avvicinabili e per le prime trasmissioni satellitari come quelle di NHK.


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest