JBL LINK AUDIOCONNESSO
Featured home HI-FI Prove What Hi Fi

Rega Planar 1 Plus: giradischi delle mie brame…

Rega Panar 1 Plus

Come migliorare un giradischi già quasi perfetto come il Rega Planar 1? Semplice, basta inserire una versione ottimizzata del Rega Fono Mini A2D e dare vita al Rega Panar 1 Plus.

Quando abbiamo saputo che Rega aveva finalmente sviluppato un giradischi con uno stadio phono incorporato, la reazione è stata un misto di sollievo, anticipazione e un bel po’ di “era anche ora”. Il Planar 1 Plus oggetto di questa recensione è essenzialmente un Rega Planar 1 con lo stadio phono Rega Fono Mini A2D integrato. Entrambi sono prodotti eccellenti e il produttore britannico sostiene che è stato qualcosa di naturale combinarli insieme… e siamo assolutamente d’accordo.

Tra l’altro il Planar 1 Plus, che dovrebbe arrivare a breve in Italia a circa 420-430 euro (il distributore Greensounds non l’ha ancora messo a listino), costa poco meno del Planar 1 e del Fono Mini A2D acquistati separatamente e già questo fa capire il perché delle cinque stelline che vedete qui sotto nel box della valutazione finale.

Rega Planar 1 Plus: giradischi delle mie brame…

Costruzione

Posizionando il Planar 1 Plus accanto al Planar 1, non si riesce a notare alcuna differenza estetica (i due modelli sono del tutto identici), ma anche come componentistica troviamo gli stessi elementi, con l’aggiunta naturalmente dello stadio phono a favore del modello Plus. Aspettatevi quindi un giradischi con testina MM Rega Carbon, motore sincrono a 24V a bassissimo rumore, braccio RB110 con cuscinetti a tolleranza zero, puleggia in alluminio e piatto in resina fenolica con una massa maggiore e uno spessore di 23mm per garantire un miglior effetto volano e una migliore stabilità di rotazione.

Il tutto caratterizzato da un design elegante e minimale tra la base con finitura in acrilico high gloss e la nuova posizione dello switch di accensione/spegnimento. Impostare il tutto è inoltre molto facile e privo di complicazioni. Planar1 Plus (assieme al suo predecessore) è infatti il giradischi Rega più semplice da usare di sempre. Grazie alla regolazione preimpostata del bias, il Planar 1 Plus è pronto a far suonare i vostri vinili già pochi istanti dopo averlo tirato fuori dalla scatola, visto che basta posizionare il contrappeso sulla parte posteriore del braccio infilandolo fino a dove può scorrere e rimuovere il proteggi-stilo.

Rega Planar 1 Plus: giradischi delle mie brame…

Un design che potremmo definire come “copia/incolla”, sebbene le novità non manchino e si concentrino tutte attorno allo stadio phono e si nascondino sotto un plinto leggermente modificato. Rega infatti non ha semplicemente preso il suo Fono Mini A2D già esistente e inserito all’interno del Planar 1 Plus, ma ha ottimizzato il tutto rimuovendo interamente la sezione USB, con il conseguente risparmio che è stato investito nel miglioramento della qualità audio dello stadio phono. Una decisione che, come vedremo presto, ha dato i suoi frutti.

Qualità audio

Era logico che la resa del Planar 1 Plus fosse estremamente simile a quella del Planar 1 collegato al Fono Mini A2D e infatti così è stato, ma per fortuna qualche differenza c’è e si tratta per di più di un upgrade qualitativo. Detto molto semplicemente, il Planar 1 Plus suona in modo brillante, nonostante ai primissimi ascolti il sound possa sembrare fin troppo sottile e snello. Dategli però tempo un paio di giorni per il rodaggio ed ecco che il suono diventa più corposo e ritmicamente emozionante.

Rega Planar 1 Plus: giradischi delle mie brame…

Rega ha un talento particolare per offrire nei suoi prodotti dinamiche agili, delicate ed estremamente piacevoli e il Plus continua brillantemente questa tradizione. Ha la spinta, il punch e tempismo perfetto per mantenere in carica lo slancio di Come As You Are dei Nirvana. Ciò che colpisce è anche quanto pulito e nitido suoni questo giradischi. Come genere il grunge si caratterizza per un sound realistico e piuttosto “fangoso”, ma questo non significa che non possiamo ammirare i valori produttivi di Nevermind. Il cantato di Kurt Cobain viene fuori con chiarezza, così come la precisione di ogni singola nota.

Il Plus offre anche una presentazione aperta e spaziosa, con una netta separazione tra strumenti e voce strutturata con pochissimo sforzo. È anche molto abile nel modo in cui gestisce le alte frequenze. Il sassofono in Midnight Lullaby di Tom Waits ad esempio è nitido e vivace ma mai di una brillantezza eccessiva. Ma la vera domanda a questo punto è: come suona il suono Planar 1 Plus rispetto al Planar 1 collegato al Fono Mini A2D?

Rega Planar 1 Plus: giradischi delle mie brame…

In modo molto simile, seppur con accenti diversi. Il setup Planar 1/Fono ha un tocco più autoritario e muscolare. I cori del Nirvana colpiscono con più attacco e danno un punch maggiore, mentre il Plus si contraddistingue per un carattere più snello e raffinato. Attraverso il Planar 1/Fono la linea di basso lussureggiante e strutturata in Billie Jean di Michael Jackson suona più cupa, mentre con il Plus è più aperta e libera.

In generale il Planar 1 Plus è più pulito, più snello ed esprime un timing migliore. Non è così muscoloso, ma suona solido e incisivo e questo livello extra di chiarezza e dettagli traspare piuttosto chiaramente. Il Planar 1/Fono suona più denso e spesso al confronto, mentre il Plus è come se avesse perso qualche chilo. Aver eliminato il circuito digitale dallo stadio phono ha aiutato poi il Plus a ottenere questo suono più pulito, così come il fatto che non ci sia un cavo del braccio con le sue prese extra e le connessioni tra il braccio e lo stadio phono.

Rega Planar 1 Plus: giradischi delle mie brame…

I cavi di collegamento sono infatti saldati direttamente sulla scheda phono nel Plus e ciò significa un percorso del segnale molto più breve e meno opportunità di raccogliere interferenze. Di contro avere alimentatori separati è il motivo per cui l’autorità e i “muscoli” extra sono più pronunciati nella combinazione Planar 1/Fono.

Alla fine si tratta quindi di una preferenza personale e spetta a voi decidere se scambiare queste qualità con la comodità di avere un solo alimentatore come quello del Planar 1 Plus. Infine, a parte sconsigliare l’abbinamento con un kit dal suono troppo brillante, questo giradischi dovrebbe inserirsi facilmente in qualsiasi tipo di sistema, sia che si tratti di un setup tradizionale di diffusori e amplificatore stereo, sia che preferiate un set multiroom di Sonos o, perché no, un paio di diffusori attivi come i Ruark Audio MR1 Mk2.

Verdetto

Mentre alcuni potrebbero preferire il suono poderoso del setup Planar 1/Fono, in realtà abbiamo scoperto che la natura vivace del Planar 1 Plus è più divertente da ascoltare, anche se si tratta di differenze molto soggettive. Il fatto però che con questo giradischi si risparmi rispetto all’acquisto separato del Planar 1 e del Fono Mini A2D non è un merito da poco.

© 2018, AF Digitale. Tutti i prodotti sono stati provati nelle apposite sale di ascolto e di visione di Rega Planar 1 Plus: giradischi delle mie brame… e Rega Planar 1 Plus: giradischi delle mie brame… dal team editoriale con sede nel Regno Unito.

  • Verdetto
5

Riassunto

Come migliorare un giradischi già perfetto come il Rega Planar 1? Semplice, basta inserire una versione ottimizzata del Rega Fono Mini A2D e dare vita al Rega Panar 1 Plus.

Pro
Sound godibilissimo
Agile e preciso ritmicamente
Installazione semplice e immediata
Suono brillante e raffinato

Contro
Niente da segnalare a questo prezzo

Scheda tecnica
Testina: Rega Carbon MM
Velocità: 33/45 giri
Trazione: a cinghia
Piatto: 23mm
Connessioni: RCA
Peso: 4,35 Kg
Prezzo: circa 400 euro
Produttore: www.rega.co.uk
Distributore italiano: www.greensounds.it


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest