Entertainment Featured home Guida 4K/BD/DVD/UHD

Overlord – L’UHD che non doveva esserci

Overlord – L'UHD che non doveva esserci

Previsto in Italia solo DVD e Blu-ray 2K la steelbook UHD aggiunta in corsa è pronta a diventare una rarità. Distribuzione Universal Pictures HE

Overlord racconta dell’operazione militare che precedette di alcune ore il sanguinoso sbarco in Normandia delle forze Alleate.

Tra i pochissimi sopravvissuti ai lanci dietro le linee nemiche ci sono il soldato Boyce (Jovan Adepo) e il caporale Ford (Wyatt Russell), che entro il mattino successivo devono abbattere una stazione radio nazista all’interno di una chiesa. Il loro fallimento impedirebbe le comunicazioni nell’imminente attacco, compromettendo l’assalto via mare.

Overlord – L'UHD che non doveva esserci

Presso il villaggio a ridosso del luogo di culto i soldati realizzano che qualcosa d’infernale è in atto, soldati tedeschi rastrellano gli abitanti che non fanno più ritorno, finendo in realtà tra le grinfie di uno scienziato del Reich che li usa come cavie. L’obbiettivo quello di sfruttare il segreto potere di un composto chimico estratto dalle viscere del luogo, al fine di produrre il soldato perfetto: mutante refrattario alla morte che sovverta le sorti del conflitto.

A livello di war-zombie nel recente passato non sono mancate opere indipendenti tanto piccole quanto riuscite come Dead Snow I & II di Tommy Wirkola. Al netto degli echi videoludici (franchise di Wolfenstein sui tanti) più d’ogni altra cosa questo Overlord stride con un’altra produzione cinema lontano dalle major: Frankenstein’s Army di Richard Raaphorst del 2013, peraltro a braccetto col meno noto Outpost: Black Sun (2012).

Overlord – L'UHD che non doveva esserci

In particolare in Frankenstein’s Army il racconto vede un manipolo di soldati dell’Armata Rossa a confronto con creature mutanti e aberrazioni genetico-militari naziste per creare un invincibile esercito. Overlord ha una base praticamente identica anche se con un budget ben più ampio e la ‘benedizione’ del produttore J.J. Abrams, ma c’è di più.

Subito dopo l’uscita di Frankenstein’s Army il regista Raaphorst si occupò del reboot, affiancando uno sceneggiatore a Los Angeles che dopo circa un anno di lavoro rifiutò di accettare delle modifiche alla storia, minacciando causa legale. Siamo nella sfera delle illazioni ma lo stesso Raaphorst è rimasto colpito dal progetto Overlord, gli stessi suoi bozzetti hanno notevole affinità col prologo della produzione statunitense.

Overlord – L'UHD che non doveva esserci

Che si tratti o meno di coincidenze non abbiamo altri dati a suffragio di ipotesi maggiormente concrete, resta il fatto che questo Overlord ha una messa in scena da urlo, in particolare l’apertura del film sino all’incontro dei parà sopravvissuti alla carneficina post-lancio, un gran bel pezzo di moderno cinema bellico. Opening scene e budget a parte questo film di Julius Avery (alla sua seconda regia dopo il discreto Son Of A Gun) resta un prodotto ibrido e poco riuscito, l’impostazione horror non giustifica l’approccio superficiale e maledettamente scontato che accompagna dopo il prologo sino ai titoli di coda.

Il budget di 38 milioni di dollari rivela una produzione certo non da kolossal, sufficiente a portare in scena un racconto pulp/horror che rimane distante e poco coinvolge. Non si gioisce più di tanto nemmeno di fronte al carrozzone di creature diversamente fantasiose ed efficaci di quelle, per quanto ‘povere’ e abbozzate, messe in campo in Frankenstein’s Army. Overlord è stato un tonfo ai botteghini worldwide con incasso di 41 milioni di cui solo 21,7 sul territorio statunitense. Nel cast anche uno sprecato Bokeem Woodbine (Riddick, Total Recall).

Overlord – L'UHD che non doveva esserci

VIDEO

Girato interamente digitale con Arri Alexa Mini ed SXT a risoluzione nativa 2.8K/3.4K e supporto Dolby Vision il film è stato poi finalizzato in 2K. Come da triste consuetudine anche questo titolo non avrebbe dovuto beneficiare di pubblicazione diretta UHD, venduto solo all’estero anche se con traccia audio in italiano.

In fase di produzione però la major è tornata sui suoi passi ripensando l’uscita italiana offrendo anche da noi l’UHD ma in esclusiva all’interno di una singola tiratura steelbook che non prevede ristampe, copie che una volta azzerate obbligheranno a rivolgersi ai soliti speculatori.

Overlord – L'UHD che non doveva esserci

Nel bene o nel male Overlord potrebbe comunque interessare, anche se trattasi di upscaling. Aspect ratio 2.40:1 (3840 x 2160/23.97p), codifica HEVC su BD-66. Spettacolo maggiormente solido, ponendo ulteriore rilievo agli elementi, differenze non sempre così palpabili rispetto alla controparte 2K. La sostanza in termini di accuratezza cromatica migliora anche se non clamorosamente se in possesso di catena digitale Dolby Vision, benché la sola presenza dell’HDR-10 sia comunque significativa.

Neri profondi, indipendentemente dai metadati statici o dinamici la visione guadagna ulteriormente nella diversificazione e precisione dei punti luce a beneficio di uno spettacolo visivo notevole.

Overlord – L'UHD che non doveva esserci

AUDIO

Solito Dolby Digital 5.1 (640 kbps) che fa quello che può per sostenere uno spettacolo che avrebbe meritato ben altra qualità alla base, mancando di sorprendere dai canali posteriori, con passaggi poco profondi del canale LFE e nel complesso un ascolto deficitario e quasi per nulla interessante.

I privilegiati in questo caso sono inglese e tedesco con Dolby ATMOS e un’apertura dinamica ricca e coinvolgente, la discesa negli inferi a prologo del racconto col cannoneggiamento da terra degli aviotrasporti mette subito in chiaro la qualità d’insieme. Un ATMOS da sballo con transizioni reference e un livello di aggressività da primato rendendo interessante una produzione che con la traccia italiana scarica il minimo appeal delle immagini. Un vero peccato.

Overlord – L'UHD che non doveva esserci

EXTRA

Nessuno sul disco UHD. Sulla controparte FHD sono presenti: capitolo dedicato alla produzione tra sceneggiatura, regia, casting, scenografie, costumi e il training degli attori (11′). Focus sulla sequenza di apertura (7′), ulteriore approfondimento sul prologo tra effetti e personaggi (9′), dietro le quinte della produzione, location e il mondo sotterraneo (6′), design delle creature, effetti speciali, make-up e armi (12′), il contributo del regista Julius Avery e del produttore J.J. Abrams (5′). Sottotitoli in italiano.

TESTATO CON: Tv Sony AF8 55″ OLED, Hisense 4K H49M3000, UHD player OPPO UDP-203 / Sistema audio: Yamaha CX-A5100, sistema altoparlanti Yamaha Soavo-1, Soavo-2, Yamaha 8″ 3 vie x 4 a soffitto, centrale Jamo Center 200, 2 x subwoofer attivo Jamo E4. Configurazione ATMOS 7.2.4

Steelbook UHD disponibile su dvd-store.it

Overlord – L'UHD che non doveva esserci
7,5 Recensione
Pro
Dolby Vision e HDR-10
Dolby ATMOS inglese e tedesco
Extra interessanti
Contro
Dolby Digital inefficace
Horror sui generis
Digital Intermediate 2K
UHD limited su steelbook
Riepilogo
Prodotto e distribuito da: Universal Pictures HE
Durata: 110'
Anno di produzione: 2018
Genere: Horror
Regia: Julius Avery
Interpreti: Jovan Adepo, Wyatt Russell, Mathilde Ollivier, Pilou Asbæk, John Magaro, Iain De Caestecker, Jacob Anderson, Dominic Applewhite, Gianny Taufer, Joseph Quinn, Bokeem Woodbine, Erich Redman, Mark McKenna, Hayley Carmichael
------
Supporto: BD66 + BD 50
Aspect Ratio: 2.40:1
Codifica Video: 2160p HEVC
Audio: Inglese, tedesco Dolby ATMOS; italiano, spagnolo, francese, catalano, giapponese, polacco, portoghese, russo, inglese descrittivo non vedenti Dolby Digital 5.1
Sottotitoli: inglese, arabo, malese, cinese, ceco, danese, tedesco, greco, spagnolo, catalano, francese, hindi, italiano, giapponese, coreano, ungherese, cinese, olandese, norvegese, polacco, portoghese
Qualità artistica
Video
Audio italiano
Audio originale
Extra
Il giudizio di AF


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest