Featured home Home cinema Notizie Speciale CES 2018 TV

Nuovo logo, nuove regole e nuove partnership per HDR10+

hdr10+

Anche Warner Bros. Home Entertainment è salita sul carrozzone dell’HDR10+, che guadagna inoltre un nuovo logo e nuove policy di certificazione.

Sono ormai passati due anni dalla comparsa dell’HDR nel mondo dell’Home Video e oggi la situazione, invece si semplificarsi, si è complicata in modo quasi kafkiano. Al momento infatti si contano ben cinque diversi formati HDR, che differiscono tra loro per tecnologia, qualità, efficacia, costi e supporto da parte degli studi cinematografici, produttori hardware e fornitori di servizi streaming.

Nuovo logo, nuove regole e nuove partnership per HDR10+

Insomma, una bella giungla in cuoi districarsi soprattutto dopo l’arrivo dell’HDR10+ (di cui abbiamo parlato diffusamente qui) spalleggiato da Samsung, Panasonic e 20th Century Fox. Torniamo a parlare di questo rivale del Dolby Vision (entrambi i formati infatti offrono metadati dinamici in un segnale HDR) perché nelle scorse ore anche Warner Bros. Home Entertainment ha deciso di supportare l’HDR10+, annunciando che a partire da quest’anno offrirà contenuti in questo formato.

Il fatto che l’HDR10+, a differenza del Dolby Vision, sia un formato per il quale non bisogna pagare royalty è certamente un vantaggio per produttori hardware e software, nonché per i principali fornitori di servizi in streaming, tanto che Amazon ha già provveduto a rendere la libreria di contenuti di Prime Video compatibile con l’HDR10+ a livello globale.

Nuovo logo, nuove regole e nuove partnership per HDR10+

Oltre al nuovo logo che vedete qui sopra, la HDR10+ Alliance, formata appunto da Samsung, Panasonic e 20th Century Fox, ha anche stabilito le policy per il programma di licenza dell’HDR10+ a cui pare siano interessate già 25 compagnie, fornendo specifiche tecniche per implementare questo nuovo formato che a questo punto vedremo a bordo di un numero sempre maggiore di TV, lettori Ultra HD Blu-ray e set-top-box.

In pratica la certificazione dei dispositivi HDR10+ dovrà essere fatta in un centro test di terze parti e i prodotti che passeranno questi test potranno esibire il logo HDR10+, che richiederà da parte di produttori e fornitori solo il pagamento di una commissione annuale. In ogni caso aspettiamoci diverse dimostrazioni di contenuti in HDR10+ al CES 2018 di Las Vegas soprattutto da parte di Samsung e Panasonic e, non appena ne avremo modo, inizieremo a testare con mano le differenze tra questo formato, il Dolby Vision e l’ormai “superato” HDR10.


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest