Entertainment Featured home Guida 4K/BD/DVD

La notte del giudizio – Election Year [UHD]

Violenza iperbolica e feroce critica al sistema in Election Year, terzo e non ultimo capitolo della serie The Purge, con script e regia sempre di James DeMonaco. Distribuzione Universal Pictures HE

La notte del giudizio – Election Year segue per la terza volta la raccapricciante notte che sconvolge gli Stati Uniti nel corso dell’ennesimo ‘sfogo annuale’, in cui per 12 ore l’omicidio diventa legale e la popolazione è invitata a scendere per le strade a prendervi parte.

Il teatro degli eventi non è più la West Coast bensì la capitale Washington D.C., ma lo status quo non è più quello di un tempo: i Nuovi Padri Fondatori, casta di privilegiati della upper class al governo del Paese, si trovano in difficoltà. Nel corso degli anni il disappunto delle masse nei confronti dello sfogo è andato crescendo, sempre più bollato come occasione per eliminare i meno abbienti che pesano sulle casse dello stato, oltre che favorire varie industrie tra cui quella delle armi, sistemi di sicurezza e assicurazioni.

The Purge: Election Year

Charlie Roan (Elizabeth Mitchell), costretta durante un precedente sfogo a subire le vessazioni di un pazzo omicida, è in corsa per la Presidenza, con sempre maggiori consensi e per questo obiettivo da eliminare. A poche ore dall’inizio del nuovo sfogo Charlie si barrica in casa affiancata da un team di guardie del corpo, al cui comando c’è il fedele Leo Barnes (Frank Grillo). Mentre le strade stanno per accogliere orde di pazzi sanguinari, tra cui anche numerosi stranieri, Joe (Mykelti Williamson) e l’amico Marcos (Joseph Julian Soria) decidono di trascorrere le 12 ore dell’evento vigilando il loro negozio, privo della costosissima copertura assicurativa.

The Purge: Election Year

Tra inaspettati assalti e tradimenti, tutti saranno chiamati ad affrontare rischi mortali per giungere incolumi alle 7 del mattino del giorno dopo, ignari più che mai di cosa il destino abbia in serbo per loro.

Terzo e (all’epoca) definitivo capitolo di The Purge, Election Year ne è degna conclusione. Come sempre al comando delle operazioni l’ottimo James DeMonaco, regia e sceneggiatura, così come tra i produttori ritroviamo Michael Bay. Un nuova, violentissima avventura questa volta per le strade di Washington con uno sviluppo survival sulla falsa riga di quanto già visto nel precedente film, con DeMonaco che lavora mantenendo alta la qualità dello script.

The Purge: Election Year

Una narrazione che inizialmente muove su diversi fronti lasciando come centrale la vicenda della senatrice anti-sfogo, ben presto bersaglio di un team di agguerriti paramilitari affiliati a uno dei tanti movimenti ideologici di supremazia bianca. Una notte che per le numerose vicende che vedono coinvolti i suoi protagonisti appare più lunga rispetto al passato, anche stavolta con buona mano registica e una narrazione cinematografica dal giusto appeal per il genere. Senza scemare il ritmo c’è anche tempo per mettere in ridicolo i padroni della nazione, dipinti come un’accozzaglia di squallidi invasati.

The Purge: Election Year

Nel cast eccellenti interpreti ritrovando l’ottimo Frank Grillo, già visto in Anarchia – La notte del giudizio, sempre dalla parte dei buoni ma stavolta con un compito ben più arduo: chiamato a difendere la vita della politica che potrebbe cambiare il volto del Paese e che, come Cesare, è circondata solo da nemici. Nel ruolo della senatrice la brava Elizabeth Mitchell, con numerose presenze su grande ma anche piccolo schermo, volto indimenticabile della serie TV Lost e che per il suo personaggio ha tratto ispirazione dalla vera campagna presidenziale di Hillary Clinton.

The Purge: Election Year

Come in passato la violenza ha momenti iperbolici e la consueta sapienza di DeMonaco nel raccontarli con coinvolgimento, tenendo premuto il pedale dell’acceleratore sino a pochi istanti prima dei titoli di coda. Tra i tanti: il purger colpito in testa da una freccia, quando ‘Pequeña muerte’ giunge col suo furgone a dar manforte a Joe, prima investendo due assalitrici a tutta velocità e poi finendo il lavoro a colpi di fucile a pompa oppure il violentissimo scontro a fuoco poco prima che un gruppo di purger stranieri scanni la senatrice e la sua guardia del corpo.

The Purge: Election Year

Di fatto la chiusura del film, inizialmente pensato come prequel, non lasciava granché spazio a una plausibile prosecuzione con un eventuale (serio) quarto capitolo. Una serie commercialmente ancora molto appetibile: con un budget complessivo di 22 milioni di dollari è riuscita a portare a casa un incasso worldwide di 320 milioni e la conseguente preparazione di un nuovo film, stavolta davvero un prequel il cui titolo originale al momento è The First Purge, purtroppo solo sceneggiato da DeMonaco.

VIDEO

Girato interamente digitale con Arri Alexa XT a una risoluzione 3.4K e finalizzato su Digital Intermediate 2K. Formato immagine 2.40:1 (3840 x 2160/23.97p) su BD-66. Dei 3 film questo Election Year è tecnicamente il migliore, anche se le differenze con la controparte FHD SDR non sono marcate.

The Purge: Election Year

Forte dell’HDR-10 wide color gamut è notabile una maggiore intensità cromatica, profondità dei neri in condizioni di luminosità spesso costantemente critica tra tetti e vicoli di Washington, per sotterranei e all’interno dei veicoli. Una diversificazione significativa per i punti luce, grana in sottofondo parte della cinematografia di Jacques Jouffret, operatore di macchina che ha esordito come direttore della fotografia proprio nel primo The Purge, proseguendo con i successivi.

Una visione nel complesso estremamente piacevole che in UHD ha quella spinta in più se in presenza di schermi almeno 55” pollici o ancora meglio tramite videoproiettore. Un acquisto più giustificato se in possesso dei precedenti capitoli.

The Purge: Election Year

AUDIO

Traccia DTS 5.1 lossy (754 kbps) per l’italiano per un ascolto che sembrerebbe più che accettabile nel corso delle prime battute ma che già pochi istanti dopo l’inizio dello sfogo lascia a desiderare per limitata presenza dei canali rear, quando i tanti momenti per le strade avrebbero giovato di maggiori elementi senza mettere in disparte lo spettatore. Sul subwoofer si potrebbe sentire il bisogno di intervenire manualmente per attenuarne l’irruenza, dialoghi dignitosi dal centrale anche qui con relativa presenza scenica. Qualche passaggio panning e circolare è comunque percepibile.

The Purge: Election Year

L’originale DTS:X è per contro molto generosa, coinvolge sin dalle prime battute, cala al centro degli eventi rendendoli ancor più vivi tra dinamica e corposità, un gradino sopra quanto offerto dalla DTS-HD Master Audio 5.1 canali presente sul BD-50 FHD. Un risultato pressoché reference con ampie scariche di adrenalina tra effetti sonori e graffiante accompagnamento musicale.

The Purge: Election Year

EXTRA

Tutti presenti sul BD FHD, supplementi già inclusi nelle precedenti edizioni di Election Year: 7 scene eliminate dal montaggio finale, breve making of di poco più di 5′ minuti e circa 3′ minuti di focus sull’antieroe Leo Barnes. Sottotitoli in italiano ovunque. Almeno su questo terzo film sarebbe stato bello ascoltare il commento del regista.

TESTATO CON: Tv Hisense 4K H49M3000, Sony 4K KD55XE9305, UHD player Samsung UBD-K8500

Blu-ray disponibile su dvd-store.it

La notte del giudizio - Election Year [UHD]
7.5 Recensione
Pro
Violento secondo sequel a The Purge
HDR-10 wide color gamut
DTS:X inglese
Contro
DTS 5.1 lossy italiano
Differenze UHD FHD non marcate
Extra già visti
Riepilogo
Titolo originale: The Purge: Election Year
Prodotto e distribuito da: Universal Pictures HE
Durata: 108'
Anno di produzione: 2016
Genere: Drammatico
Regia: James DeMonaco
Interpreti: Frank Grillo, Elizabeth Mitchell, Mykelti Williamson, Joseph Julian Soria, Betty Gabriel, Terry Serpico, Edwin Hodge, Kyle Secor, Liza Colón-Zayas, Jared Kemp
------
Supporto: BD 66 + BD 50
Aspect Ratio: 2.40:1
Codifica Video: 2160p HEVC, HDR10
Audio: Inglese, tedesco DTS:X; italiano, spagnolo DTS 5.1 (754 kbps)
Sottotitoli: Italiano, inglese nu, spagnolo, tedesco, portoghese, turco
Qualità artistica
Video
Audio italiano
Audio originale
Extra
Il giudizio di AF

 

Le recensioni degli altri due film di The Purge:

Anarchia – La notte del giudizio [UHD]

La notte del giudizio [UHD]

Social

Pin It on Pinterest