Featured home Hi-Fi Notizie What Hi Fi

Klipsch Heritage Headphone Amplifier: l’ampli che mancava?

Heritage Headphone Amplifier

Avete già acquistato le Heritage HP-3 e volete un amplificatore per cuffie? Il Klipsch Heritage Headphone Amplifier potrebbe essere la soluzione migliore.

È passato più di un anno da quando abbiamo messo per la prima volta gli occhi sulle Heritage HP-3 di Klipsch, molto probabilmente le cuffie più performanti di sempre del produttore americano. Le abbiamo recensite a fine giugno premiandole con un 8,5 e le potete trovare online a circa 1500 euro. Se poi il budget ve lo consente (si parla di circa 600 euro) e siete ancora sprovvisti di un ampli per cuffie, ecco il Klipsch Heritage Headphone Amplifier.

Un amplificatore che naturalmente può funzionare con anche con altre cuffie, ma Klipsch afferma che è progettato per ottenere il meglio proprio dalle HP-3. Al suo interno troviamo un DAC hi-res Sabre32 ES90128K2M ESS, in grado di gestire file DSD a 24 bit/192 kHz e DSD fino a 11,2 MHz. L’amplificatore vanta un’architettura DAC HyperStream ESS a 32 bit e un eliminatore di jitter Time Domain. Completo di due amplificatori TPA6120A2 in classe AB, il percorso del segnale riduce al minimo il crosstalk aumentando l’output totale del sistema.

Klipsch Heritage Headphone Amplifier: l’ampli che mancava?

È anche possibile collegare una cuffia con un cavo bilanciato XLR-4 (da acquistare separatamente) ed è presente un interruttore di guadagno per un aumento di +10 dB in uscita, in modo da pilotare anche le cuffie più esigenti. Per garantire che tutte le impostazioni sulla sorgente di ingresso siano corrette, il Klipsch Heritage Headphone Amplifier visualizza la frequenza di campionamento in fase di elaborazione delle sorgenti digitali. I LED del pannello frontale si illuminano infatti di bianco per le fonti PCM e di blu per i file DSD.

Due uscite cuffie (tra cui una XLR bilanciata) e uscite RCA commutabili consentono di utilizzare questo ampli anche esclusivamente come DAC in un sistema stereo (o collegato al PC grazie all’interfaccia USB asincrona posta sul retro). Completano il ricco parco connessioni ingressi ottico, coassiale e di linea.


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest