UNIVERSALGRANDE CINEMA 4K
Featured home HI-FI Prove What Hi Fi

Aurender S5W: loro sì che sono davvero wireless

Aurender S5W

Se davvero non volete avere a che fare con nessun tipo di cavo (audio o di alimentazione), i diffusori total wireless Aurender S5W fanno al caso vostro.

In ambito hi-fi il termine wireless non ha mai veramente significato wireless. C’è sempre stata infatti la necessità di almeno un cavo fisico, specialmente quando si tratta di diffusori stereo di fascia premium. Gli Aurender S5W, presto disponibili in Italia a un prezzo non ancora comunicato (ma aspettiamoci più di 3000 euro), puntano a cambiare tutto ciò.

In precedenza infatti anche diffusori attivi come gli eccellenti KEF LS50 Wireless o i Dali Callisto 6 C (tutti modelli di fascia medio-alta) necessitavano comunque dei cavi di alimentazione per ciascun diffusore e, nel caso dei KEF, di un ulteriore cavo per il collegamento tra i due diffusori per aiutare a sincronizzare il tutto. Gli Aurender S5W sono invece diversi, essendo alimentati a batteria e privi di ingressi fisici. Se quindi siete alla ricerca di un suono stereo senza fili (e questa volta per davvero), non potreste chiedere di meglio.

Caratteristiche

Se il pensiero di affidarvi a una batteria per alimentare un diffusore premium vi preoccupa, possiamo capirvi. L’idea di dover ricaricare gli S5W a metà di una canzone non è certo allettante, ma Aurender ha adottato un approccio pratico e sensato per evitare simili problemi. L’azienda fornisce infatti anche un’opzione per alimentare i due diffusori tramite cavo, sebbene in questo modo non avrebbe senso puntare su un modello simile.

Aurender S5W: loro sì che sono davvero wireless

Piuttosto che sviluppare le proprie batterie, il che sarebbe stato un approccio costoso e dispendioso in termini di tempo, Aurender ha inoltre deciso di utilizzare gli alimentatori a batteria agli ioni di litio da 18v utilizzati negli utensili elettrici Bosch. Due di queste batterie da 18v-6Ah e un caricatore sono incluse nel prezzo, che però cala di circa 300 euro se si desidera acquistare gli S5W senza questo pacco batterie.

Batterie che impiegano 30 minuti per raggiungere la carica completa e che, una volta cariche al 100%, dovrebbero assicurare circa 50 ore di musica a seconda dei livelli di volume. Aurender parla anche di 30 giorni di autonomia con i diffusori in standby e quindi, per quanto riguarda questo aspetto, gli S5W dovrebbero essere degli speaker “indolori” e in grado di assicurare sessioni di ascolto prolungate nel tempo.

Come poi abbiamo detto, queste batterie sono disponibili anche a parte e quindi, se proprio volete stare tranquilli, potrebbe avere senso acquistarne altre due e tenerle sempre cariche e pronte a sostituire quelle scariche quando necessario. Ci vogliono solo pochi secondi per passare da un pacco batterie all’altro e quindi, anche a livello di comodità e immediatezza, non vediamo problemi di sorta in questo approccio.

Aurender S5W: loro sì che sono davvero wireless

Un singolo Aurender S5W integra due amplificatori da 50 W, ciascuno dedicato a un singolo driver. Non sorprende inoltre scoprire che gli amplificatori siano in classe D; tali circuiti hanno perfettamente senso quando il basso consumo energetico, la minima emissione di calore e le ridotte dimensioni sono aspetti prioritari, proprio come per qualsiasi device portatile alimentato a batteria.

Aurender si affida a fornitori esterni per i driver, come fanno d’altronde quasi tutti i piccoli produttori. In questo caso il tweeter a cupola in tessuto morbido da 25mm proviene dalla danese Scan-Speak, mentre il driver mid/bass da 11,5 cm è prodotto dalla norvegese SEAS. Il cono di questa unità è rivestito in Nextel per facilitare il controllo della risonanza e il suo sistema motorio è ottimizzato per ridurre la distorsione e migliorare la gestione della potenza. C’è inoltre una porta reflex posteriore per incrementare l’uscita a bassa frequenza del driver mid/bass.

Il punto di crossover dell’Aurender S5W è posizionato a 2kHz e il produttore riporta una risposta in frequenza abbastanza convenzionale da 50Hz a 22kHz (entro i limiti di -6dB). Una simile copertura in fascia bassa è considerevole se pensiamo alle dimensioni del piccolo driver mid/bass e al cabinet alto solo 22 cm.

Aurender S5W: loro sì che sono davvero wireless

Per quanto riguarda gli ingressi, ne troviamo solo uno (per così dire). È un collegamento wireless dedicato per un segnale non compresso a 16 bit/44,1 kHz con un raggio d’azione di circa 20 metri. Si presenta sotto forma di un dongle USB che può essere collegato al computer, allo smartphone o al tablet e si collega automaticamente ai diffusori. Se possedete un dispositivo Apple con connettore Lightning, avrete bisogno di un adattatore Lightning-USB e lo stesso vale se avete un laptop o altri dispositivi solo con ingressi USB-C.

Costruzione

Togliete gli S5W dal loro imballaggio e vi sorprenderà quanto siano piccoli. Le loro dimensioni sono infatti appena più grandi di quelle di un tipico libro tascabile. A colpire poi è anche il peso di 5,2 Kg, notevole se pensiamo a questo form-factor così compatto; gran parte di ciò è dovuto al solido cabinet in alluminio costruito alla perfezione.

L’uso dell’amplificazione in Classe D significa che questi diffusori, disponibili nei colori rosso, nero e blu scuro, non si scaldano mai in modo eccessivo. Sul retro troviamo unicamente l’attacco per l’antenna wireless rimovibile e i pulsanti per alimentazione, bassi e alti. Dopo aver provato queste due impostazioni, abbiamo scelto di escluderle poiché già in modalità standard il sound è perfettamente bilanciato, indipendentemente dalla posizione scelta per i diffusori.

Aurender S5W: loro sì che sono davvero wireless

Qualità audio

La mancanza di fili degli Aurender S5W (così come le loro piccole dimensioni) significa poterli utilizzare praticamente ovunque. Mentre suonano indubbiamente meglio su un solido paio di stand e un po’ lontano dalla parete posteriore (a circa 30 cm nella nostra sala prove), offrono prestazioni comunque rilevanti in tutti i tipi di posizionamento, da una scrivania fino a uno scaffale o su un tavolo accanto al TV.

Visto però che vogliamo sfruttarli al meglio, facciamo tutti gli accorgimenti del caso per un ascolto serio e attento, ma il punto è che non dovete farlo per forza a casa vostra e otterrete comunque un sound di tutto rispetto. Una volta iniziati i test, a mettersi subito in mostra è soprattutto l’equilibrio timbrico. Diffusori così piccoli possono infatti sembrare un po’ “scheletrici” a livello di sound, ma questi Aurender offrono una presentazione corposa e solida che smentisce subito questo assunto.

I bassi sono piacevolmente solidi e pesanti, restituendo la stimolante Spit Three Times di Neneh Cherry con determinazione e impatto. Gli Aurender trasmettono bene lo slancio del brano e riescono a legare insieme le varie parti strumentali in un modo ammirevolmente coeso. Questi diffusori fanno anche emergere una buona quantità di dettagli, ma è la loro capacità di organizzare tutte queste informazioni in un modo musicalmente divertente che ci ha impressionati davvero. C’è abbastanza profondità di intuizione qui per analizzare attentamente una qualsiasi registrazione se è necessario e se vi piace ascoltare la musica in questo modo, ma (ve lo assicuriamo) questi Aurender preferirebbero semplicemente che vi sediate e vi godiate la musica.

Aurender S5W: loro sì che sono davvero wireless

Hanno inoltre una gamma media piena e ben integrata. Le voci arrivano con generose porzioni di dettaglio e passione e una simile resa suggerisce driver ben abbinati e un crossover accuratamente calibrato. Allo stesso modo la parte superiore dello spettro ha una buona quantità di mordente, mitigato però con un po’ con una raffinatezza per evitare problemi con registrazioni particolarmente aggressive.

Ascoltiamo Romeo e Giulietta di Tchaikovsky e siamo sorpresi dal gusto degli S5W quando si tratta di dinamiche di ampio respiro e partiture complesse. Questi diffusori possono sembrare sorprendentemente potenti quando richiesto e possono rendere bene l’impatto quasi “brutale” di un’intera orchestra.

L’immagine stereo è estremamente valida. Il soundstage offerto dai diffusori è decentemente espansivo e piacevolmente stratificato. Rimane stabile e a fuoco anche quando la musica diventa impegnativa. La scala dell’immagine stereofonica proveniente da un grande pezzo orchestrale come questo è un po’ piccola e gli S5W hanno un chiaro limite in termini di volume. Oltre un certo punto perdono rapidamente la loro compostezza e iniziano a sembrare sottili, duri e un po’ confusi. È però difficile che arriverete a toccare livelli di volume così elevati, soprattutto se ascoltate musica in una stanza di dimensioni medio-piccole (come farete quasi sicuramente se siete interessati a diffusori così compatti).

Aurender S5W: loro sì che sono davvero wireless

Se invece avete un ambiente di ascolto piuttosto grande o vi piace ascoltare brani con bassi potenti sparati a mille, vale forse la pena dare prima un ascolto a questi diffusori per evitare poi spiacevoli sorprese. Anche se gli S5W sono speaker realizzati con estrema cura, non si possono sconfiggere le leggi della fisica e le limitazioni imposte dalle dimensioni del cabinet e dell’unità mid/bass devono essere tenute in serie considerazione.

Verdetto

Non abbiamo mai visto niente di simile a questi diffusori prima d’ora. Essere così piccoli e veramente wireless significa che gli Aurender S5W possono essere utilizzati in luoghi e situazioni in cui le alternative convenzionali non troverebbero posto (o lo troverebbero con difficoltà). Ecco perché gli S5W hanno un vantaggio ancor prima di considerare la loro qualità audio e la loro costruzione. Se poi è vero che non sostituiremmo il nostro sistema hi-fi convenzionale con questi due speaker wireless attivi, possiamo pensare a molte circostanze in cui gli Aurender S5W sarebbero comunque perfetti e ciò li rende diffusori molto allettanti ai nostri occhi.

© 2019, AF Digitale. Tutti i prodotti sono stati provati nelle apposite sale di ascolto e di visione di Aurender S5W: loro sì che sono davvero wireless e Aurender S5W: loro sì che sono davvero wireless dal team editoriale con sede nel Regno Unito.

  • Verdetto
5

Sommario

Se davvero non volete avere a che fare con nessun tipo di cavo (audio o di alimentazione), i diffusori total wireless Aurender S5W sono semplicemente perfetti.

Pro
Wireless al 100%
Sound musicale e coeso
Costruzione e rifiniture eccellenti

Contro
Meglio non salire troppo con il volume

Scheda tecnica
Risposta in frequenza: 50Hz-22kHz
Sensibilità: 85.5dB
Potenza: 2x 50W
Dimensioni: 22 x 15.6 x 18.5cm
Peso: 5.2 kg ciascuno
Autonomia: circa 50 ore con una carica
Prezzo: circa 3000 euro
Sito del produttore: www.aurender.com


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest