AF Focus Notizie Personal computing Tecnologie

WPA3 arriverà sui router Wi-Fi nel 2018

WPA3 home

WPA3 è il nuovo sistema di protezione dei router che consentirà una migliore crittografia e gestione degli accessi. Novità in arrivo anche per il “vecchio” WPA2

Chiunque abbia mai  installato un router ha probabilmente familiarità con la Wireless Protected Access o con la crittografia WPA. Nei prossimi mesi questa tecnologia sarà migliorata con l’arrivo della  è stato WPA3, un protocollo di sicurezza Wi-Fi che migliora la sicurezza dei dispositivi di rete. Al recente CES di Las Vegas la Wi-Fi Alliance ha annunciato WPA3, i cui miglioramenti si svilupperanno lentamente nel 2018 con l’arrivo sul mercato di nuovi dispositivi. La Wi-Fi Alliance ha anche annunciato diversi miglioramenti all’attuale WPA2 (in vigore dal 2004), per aumentare la protezione di tutti i dispositivi che adottano tale protocollo di sicurezza, in attesa che i dispositivi conformi a WPA3 siano lanciati sul mercato.

WPA3 contro gli hacker

I principali miglioramenti includono la crittografia personalizzata dei dati, in modo che gli hacker in agguato sulle reti Wi-Fi pubbliche trovino più difficile intercettare le comunicazioni via wireless. Ancora più importante, WPA3 impone anche l’interazione con la rete quando viene immessa una password, segnalando all’hotspot o al router che qualcuno sta cercando di indovinare la password. Questo sarà possibile impostando dei limiti di abilitazione, inserendo un numero preciso di tentativi di accesso alla rete.  Senza le protezioni offerte da WPA3, gli utenti malintenzionati potrebbero semplicemente riprovare password comuni, come “123456”, fino a quando il router o l’hotspot non li lascia entrare. Il router quindi potrà essere configurato per limitare l’accesso o anche per informare che un utente malintenzionato (o semplicemente un vicino ficcanaso) stava cercando di accedere alla rete.

WPA3 arriverà sui router Wi-Fi nel 2018

WPA3 contiene anche una suite di sicurezza a 192 bit, allineata con la suite CNSA (Commercial National Security Algorithm) del comitato per i sistemi di sicurezza nazionale statunitense, ma che potrebbe essere utilizzata dai governi dei vari Paesi per proteggere le proprie reti sensibili.

Le novità di WPA2

La Wi-Fi Alliance ha anche formalizzato alcune migliorie per la protezione di WPA2. I tre miglioramenti chiave del protocollo WPA2 riguarderanno problemi di autenticazione, crittografia e configurazione. Il primo miglioramento si basa sull’uso del Protected Management Frames (PMF) nei dispositivi Wi-Fi. La funzione Protected Management Frames, che è già ampiamente adottata nei dispositivi Wi-Fi, è progettata per garantire l’integrità del traffico su una rete Wi-Fi e mantiene la resilienza delle reti. Un secondo miglioramento richiede alle aziende di condurre controlli aggiuntivi su tutti i loro dispositivi “Certified Wi-Fi” per garantire che siano incorporate le migliori tecnologie sul modo in cui utilizzano i protocolli di sicurezza Wi-Fi e protocolli di rete strettamente correlati.

WPA3 arriverà sui router Wi-Fi nel 2018

Ad esempio, i test della rete Wi-Fi valuteranno i comportamenti previsti quando i dispositivi convalidano i certificati del server di autenticazione di rete. Questo miglioramento è stato progettato per ridurre potenziali vulnerabilità a causa di errata configurazione di reti o dispositivi. Il terzo miglioramento mira a fornire una maggiore coerenza nella configurazione della sicurezza di rete, standardizzando le configurazioni di suite di crittografia a 128 bit, portandole allo stesso livello di quelle a 192 bit.

 

WPA3 arriverà sui router Wi-Fi nel 2018

Author: Danilo Loda


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest