JBL LINK AUDIOCONNESSO
Notizie Prove Wearable Wearable technology

Smartwatch: Garmin Vivomove digitale ma non troppo

smartwatch garmin vivomove app

Meglio il look, la sostanza o la completezza? Lo smartwatch Vivomove realizzato da Garmin cerca una difficile sintesi tra queste tre caratteristiche

Il suono di un vinile ha un calore non che troverete mai in un MP3 e un motore termico V6 vi scatena dentro qualcosa che un propulsore elettrico non riuscirà mai a farvi provare. Allo stesso modo un classico orologio analogico con le lancette avrà un look e una sensazione di familiarità che non troverete mai in uno digitale. È questo in fondo che rende unico un orologio come il Garmin Vivomove e che lo eleva al di sopra di gli smartwatch con display OLED o LCD. In questo Garmin infatti non troverete uno schermo digitale o touch, ma solo il classico quadrante analogico con le lancette che ticchettano per tutto il giorno. Se però si osserva il Vivomove un po’ più da vicino, si riconoscono immediatamente alcune caratteristiche tipiche dei prodotti wareable. Ovvero gli indicatori per il monitoraggio della funzioni fitness ed è proprio su questo versante che l’orologio di Garmin assume connotazioni smart.

Tutta una questione di stile

Il Vivomove non vi mostra direttamente sul polso i passi fatti, ma fa la sua bella figura da un punto di vista estetico. Design essenziale ed elegante al tempo stesso anche per la versione più economica con cinturino in gomma, che pur non essendo il massimo per gli amanti degli orologi di un certo livello è comunque ben rifinito e non fa sudare troppo; tra l’altro l’orologio è molto leggero (da 51 a 69 grammi) e resiste all’acqua fino a una profondità di 50 metri. Garmin ha optato per i modelli Sport (cassa in resina e cinturino in gomma), Classic (cassa in resina e cinturino in pelle) e Premium, caratterizzato dalla cassa in acciaio inossidabile e dal cinturino in pelle. I prezzi di listino sono rispettivamente di 169, 219 e 299 euro.

Smartwatch: Garmin Vivomove digitale ma non troppoSe poi non vi piacciono i cinturini di Garmin, potete sempre sostituirli con un qualsiasi cinturino da 20 mm di altre marche, comodità che non tutti gli smartwatch o le fitness band possono vantare. Tra l’altro non sarete costretti a togliere continuamente l’orologio dal polso per ricaricarlo, visto che Garmin assicura fino a un anno di autonomia grazie alla batteria a bottone CR2025. Un pensiero in meno da ricordarvi poco prima di andare a dormire.

Attenzione ai passi

I fitness tracker più completi e professionali di Garmin offrono in molti casi funzioni e opzioni che un utente medio non utilizzerà mai. Con il Vivomove è l’esatto contrario, ovvero poche ma utili funzioni per chi non è patito di sport ma vuole comunque avere al polso qualcosa che tenga conto dell’attività motoria giornaliera. Questo significa che non troverete un GPS o un sensore per il battito cardiaco e che l’orologio non vibrerà ogni volta che riceverete una notifica da Facebook o un messaggio su WhatsApp. Nel Vivomove è tutto molto più semplice ed essenziale; un accelerometro per contare i passi e le ore di sonno e due piccoli indicatori LCD laterali che, riempendosi, fanno capire quanto avete camminato ogni giorno e quanto tempo è passato dall’ultima volta che vi siete mossi.

L’app di Garmin

Smartwatch: Garmin Vivomove digitale ma non troppoGli indicatori forniscono però solo una vaga idea del movimento fatto. Per avere l’esatto conteggio dei passi, delle ore di sonno e delle calorie bruciate (queste ultime in modo un po’ approssimativo), si deve per forza utilizzare l’app Garmin Connect e quindi il vostro smartphone. L’app, che raccoglie automaticamente tutti i dati dell’orologio tramite Bluetooth e li sincronizza con il vostro account Garmin, è facilmente comprensibile e si avvicina come completezza e funzioni ad altre applicazioni che gli appassionati di fitness conoscono bene come Strava e MyFitnessPal. Da segnalare però che molte di quelle funzioni non sono offerte dal Vivomove e quindi, se siete degli appassionati di corsa e volete migliorare le vostre capacità di fitness, è meglio puntare su altri orologi Garmin come i Forerunner o i Fenix. Diciamo che il Vivomove serve giusto per ricordarvi ogni tanto di muovervi e per controllare i passi fatti, ma oltre non si va.

Il nostro verdetto

Il Vivomove ha un grande rivale nel Withings Activité Pop, orologio dalle caratteristiche fitness che però ha qualche funzione in più tra cui un allarme con vibrazione, il riconoscimento automatico per la corsa e l’attività in bicicletta e la sincronizzazione automatica dell’orario con lo smartphone tramite Bluetooth. Con il Garmin l’ora deve essere impostata manualmente, ma il Vivomove dalla sua ha i due indicatori per l’attività, ha una batteria che dura di più ed è più bello da vedere. Se quindi il fitness non è una vostra priorità ma volete comunque un orologio dal look e dal cuore analogico con però qualcosa in più, il Vivomove potrebbe fare al caso vostro. Se invece pretendete qualcosa di più che il semplice conteggio dei passi e delle ore di sonno, allora è meglio rivolgersi a qualcosa di più specifico e Garmin ha a listino tantissime proposte tra smartwatch, fitness band e orologi sportivi di qualsiasi genere e prezzo.

Il nostro verdetto
  • Garmin Vivomove
4


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest