Prove TV

Samsung UE43KS7500: piccolo gigante del 4K

Samsung UE43KS7500 apre

Nonostante un polliciaggio ridotto per poter sfruttare appieno i benefici del 4K, il Samsung UE43KS7500 non ha nulla da invidiare ai modelli delle serie superiori, tantomeno a quelli della concorrenza. Provato a 950 euro.

Da tempo non si vedeva una line up di TV così omogenea come la serie Samsung UHD 2016. Indipendentemente dalle dimensioni dello schermo, sia il design piatto che quello curvo si distinguono costantemente per una resa dell’immagine da riferimento. Tra tutti il Samsung UE43KS7500, pur trattandosi del modello entry level, dimostra quali vette possa raggiungere il 4K su schermi di dimensione, e quindi spesa, contenuta.

Va detto lo stesso, non è di certo il TV 4K più economico in questo range di dimensioni. La resa dimostrata, tuttavia, conferma come quel piccolo extra in più di spesa possa fare effettivamente la differenza.

Design e caratteristiche

Samsung KS7500

Con i suoi 43 pollici il Samsung UE43KS7500 è lo schermo più piccolo della scuderia UHD, con una percezione di dimensione ancor più ridotta a causa del suo design curvo. Non siamo ancora molto convinti sull’effettiva utilità pratica dei design curvi, tanto meno nel caso di display ridotti come questo, per i quali sembra ancor meno opportuno. Un lato positivo è che almeno riduce gli ingombri del TV per coloro i quali siano a corto di spazio.

Naturalmente il Samsung UE43KS7500 si presenta bene da subito, seguendo le linee generali di design impostato dalla line up 2016 ed essendo caratterizzato pertanto da una costruzione solida, con una cornice appena accennata, i sostegni in alluminio e un pannello posteriore ordinato e liscio alla vista. Viene venduto con due telecomandi, uno dalla classica forma allungata e uno più piccolo, di tipo “smart”. Entrambi presentano un buon layout dei tasti e sono di facile utilizzo; abbiamo tuttavia preferito l’impiego di quello classico, in quanto consente di accedere ad una più completa gamma di opzioni.

Samsung KS7500 telecomando

Come gli altri modelli UHD, anche il TvSamsung UE43KS7500 sfrutta la tecnologia Quantum Dot per restituire un gamut più accurato ed esteso, impiegando al contempo un’illuminazione di tipo edge con funzione di local dimming. Il TV è anche conforme alle specifiche UHD Premium, il che comporta l’erogazione di 1000 nits nei picchi di luminosità per riprodurre al meglio i  contenuti HDR. Un risultato al quale molti modelli concorrenti non riescono ancora ad arrivare. Un ulteriore valore aggiunto viene dalla tecnologia Moth-eye di Samsung, la quale riesce a mitigare l’effetto molesto dei riflessi. Caratteristica questa che, a volte, può essere data per scontata fino al momento in cui, confrontando la resa di uno schermo più economico (che ne è sprovvisto), ci si rende conto di quanto il proprio riflesso possa essere fastidioso durante la visione.

KS7500

Il box esterno Samsung Connect gestisce la maggior parte delle connessioni e include quattro ingressi video HDMI “4K ready” e tre porte USB per registrazioni Freeview HD e riproduzione di materiale multimediale. Vi è anche un’uscita ottica e la possibilità di connettersi ad una rete tramite porta ethernet oppure tramite Wi-fi. Collegandosi alla propria rete domestica, il TV rende ovviamente disponibili tutte le sue funzionalità smart, basate in questo caso su Tizen, l’interfaccia proprietaria di Samsung, più pulita se confrontata con quella degli anni passati. Abbiamo infatti trovato molto più immediato sia il suo utilizzo sia la navigazione.

I menu sono chiari e facilmente accessibili. Ci sono piaciuti in particolar modo i suggerimenti mirati che la schermata home riporta per ogni provider on-demand in cui ci si sia loggati, come ad esempio Netflix, BBC iPlayer, Amazon, ITV Player e Demand 5.

Setup

Samsung KS7500

Per ottenere il meglio dal Samsung UE43KS7500 abbiamo giocato un po’ con i settaggi; mentre alcune regolazioni funzionano bene per tutte le sorgenti, altre sono invece più indicate per i singoli specifici ingressi. Dopo diverse prove abbiamo concluso che la modalità di immagine Cinema con il profilo temperatura colore Warm 1 sia il miglior compromesso per la visione tra i preset disponibili. Se invece si desiderasse avere un’immagine più brillante, si può provare a selezionare la modalità Standard. Con questo non vogliamo dire che vi siano mancanze di luminosità, il logo UHD Premium ben testimonia come la retroilluminazione abbia margini molto ampi; margini che oltretutto la concorrenza attuale non riesce ancora ad eguagliare. La stessa visione di semplici programmi TV è caratterizzata da una resa sorprendente, anche se è con i contenuti HDR che il quadro da il meglio di sé, mostrando un’intensità luminosa che letteralmente “buca” lo schermo.

Immagine

Samsung KS7500

L’immagine è decisamente superba, in special modo nel livello di dettaglio offerto e nella profondità delle varie sfumature; va dato atto a Samsung di essere riuscita ad ottenere un ottimo risultato senza intaccare minimamente i livelli del nero. I neri rimangono infatti sempre profondi, sebbene variegati e ricchi di sfumature, così da non sovrapporsi e rendersi quindi poco distinguibili. Va ancora meglio nelle scene che coinvolgono un elevato gap tra alte e basse luci; il KS7500 gestisce le diverse sfumature perfettamente, senza incertezza alcuna. È in frangenti come questo che il più economico Philips 43PUS401, per esempio, va in crisi “impastando” le diverse sfumature.

Il Samsung UE43KS7500 è ulteriormente rafforzato dall’eccellente resa del colore. Il TV infatti offre una rosa cromatica ampia senza tuttavia scadere nella ridondanza, cosa che avrebbe compromesso la naturalezza del quadro. Ne beneficiano ulteriormente i contenuti HDR: il rosso “incandescente” del suolo marziano in The Martian è restituito con un’intensità che i modelli di fascia inferiore faticano parecchio a raggiungere.

Anche la riproduzione delle sfumature cromatiche risulta sottile, cosa che conferisce loro consistenza e profondità. Tutto ciò unito all’alto grado del dettaglio, alla chiarezza e nitidezza nella riproduzione dei contorni di cui questo TV è capace fa sì che il livello di realismo restituito dal quadro video sia davvero elevato. Né il Philips 43PU6401 né il Panasonic TX-40DX700 sono in grado di restituire un’immagine così convincente.

Normalmente non sceglieremmo uno schermo di 43 pollici se volessimo ottenere una resa da riferimento delle immagini 4K, pur tuttavia resta il fatto che questo TV riesce a massimizzare la risoluzione 4K seppur “limitato” da un display di dimensioni “contenute”.

Anche l’algoritmo Samsung per l’upscaling esegue egregiamente il suo dovere, contribuendo a restituire immagini HD (ma anche SD) nitide e robuste. Non abbiamo altresì ravvisato particolari problemi nella riproduzione del movimento, tanto da lasciare il motion processing disabilitato sin dal principio. Il nostro suggerimento è di utilizzarlo laddove se ne senta la reale necessità, anche perchè il Samsung, la maggior parte delle volte, restituisce un’immagine già stabile di suo. Se proprio non se ne dovesse poter fare a meno, consigliamo di selezionare la modalità personalizzata, tenendo i valori di judder e blur entrambi al minimo.

Ecco come suona il Samsung UE43KS7500

Samsung KS7500

Anche per quanto concerne il fronte audio il Samsung UE43KS7500 si comporta decisamente bene. Le voci sono sempre restituite in modo cristallino e diretto, nonché sufficientemente corposo da evitare sia un parlato troppo “tenue” sia troppo “pesante”. Abbiamo riscontrato tuttavia qualche limitazione nella separazione dei canali, tanto da rendere difficoltoso percepire qualche dettaglio “sottile” all’interno di scene più “rumorose”. L’utilizzo di una soundbar apporterebbe in tal senso un deciso upgrade, tuttavia se il vostro budget non lo consentisse, oppure se pensate di utilizzare il Samsung come TV secondario “da camera”, allora il gioco non varrebbe di certo la candela.

Il nostro verdetto

Mentre puristi e recensori continuano imperterriti a buttarsi sulle taglie di schermo “generose”, le serie più “piccole” risultano essere ancora le più gettonate dalla maggioranza dei consumatori, spesso indipendentemente da considerazioni sulla salvaguardia dello spazio oppure sul tipo di utilizzo. Il Samsung UE43KS7500 è tuttavia una scelta molto valida per entrambe queste esigenze, dal momento che riassume in sé i principali punti di forza delle serie Samsung superiori, scendendo nel contempo a ben pochi compromessi. Un 4K così luminoso, nitido ed incisivo non è propriamente prerogativa del modello più economico di questa serie, resta tuttavia il fatto che i risultati raggiunti valgono decisamente la spesa aggiuntiva.

© 2017, AF Digitale. Tutti i prodotti sono stati provati nelle apposite sale di ascolto e di visione di What HiFi? e Stuff dal team editoriale con sede nel Regno Unito.

Pin It on Pinterest