Advertisement
Featured home Prove TV

Samsung UE32M5500: c’è ancora posto per il Full HD?

Per una volta abbiamo testato un TV LCD Full HD da 32’’. Nulla di eccezionale, ma il Samsung UE32M5500 ha molto da dire nella sua nicchia di mercato.

Se oggi basta entrare in un qualsiasi centro commerciale per accorgersi di come la maggior parte dei TV esposti sia ormai dai 50’’ in su (anche perché sono quelle che attraggono di più l’attenzione), in realtà per certi ambienti e per certe situazioni c’è ancora bisogno di televisori molto più compatti e meno costosi. Prendiamo ad esempio il Samsung UE32M5500, con il suo schermo da 32’’ e un prezzo che online che parte da circa 380 euro.

Certo, ci si deve accontentare del Full HD (niente 4K o HDR), ma per la casa delle vacanze, per la cucina o per chi comunque non ha un abbonamento a Netflix 4K/UHD e non è interessato agli Ultra HD Blu-ray, il Full HD basta e avanza. E, contrariamente alle aspettative, questo TV con design Ultra Slim, sistema operativo Tizen e Micro Dimming Pro ci è piaciuto sia come completezza, sia come qualità d’immagine.

Samsung UE32M5500

Funzioni

Rispetto ai suoi fratelli maggiori qui non troviamo il box One Connect con tutte le connessioni, che infatti sono state disposte sul retro del TV come da tradizione. Abbiamo però ben due telecomandi; il primo è quello della gamma dei TV Samsung di quest’anno (c’è anche l’opzione per il controllo vocale che però non ci pare molto funzionale), mentre l’altro è un’unità più grande e tradizionale che chi già conosce la serie MU ritroverà con piacere.

È vero che in nessuno dei due c’è il pulsante per accedere direttamente a Netlfix o ad Amazon Video, ma fa comune piacere trovare due telecomandi in un TV in questa fascia di prezzo, anche perché chi non ha mai apprezzato i recenti controller di Samsung (fin troppo essenziali in effetti) ha a disposizione un telecomando più tradizionale e semplice da usare.

Samsung UE32M5500

Bello poi ritrovare la stessa interfaccia made in Tizen presente in tutti i TV Samsung del 2017, compreso il top di gamma assoluto Q9F da 65’’ (che costa circa 15 volte questo). E si tratta di un’interfaccia davvero funzionale e ben fatta a livello di presentazione e semplicità di navigazione, tanto che solo i TV di LG si avvicinano a quelli di Samsung su questo versante.

Qua e là abbiamo sperimentato qualche piccolo rallentamento assente invece nei modelli più costosi, ma per il resto abbiamo tutto quello che serve a livello di applicazioni e anche paciugare nei menu di impostazione o accedere in pochi secondi alla sorgente preferita è un gioco da ragazzi.

Qualità video

Samsung UE32M5500

Sappiamo già che da un TV che costa meno di 400 euro non possiamo aspettarci miracoli e infatti, alla prima accensione, il Samsung UE32M5500 non ci ha colpiti positivamente. Per ottenere un’immagine molto più naturale e meno artefatta, abbiamo abbassato di alcuni punti le voci relativa alla retroilluminazione, al contrasto e alla nitidezza.

Un miglioramento notevole, anche se, pur aggiustando qualche altra opzione, è molto difficile ottenere dei bianchi puri e incisivi da questo TV. In parte dipende dal picco di luminosità piuttosto basso, in parte da una temperatura colore stranamente molto calda anche impostando il valore più tendente al freddo. È questa in fondo l’unica vera critica che ci sentiamo di fare al TV, anche se dopo un po’ ci si abitua a questo particolare bilanciamento cromatico che non diventa comunque mai fastidioso.

Samsung UE32M5500

Abbiamo testato il Samsung UE32M5500 con Marco Polo in Full HD via Netflix e se da un lato l’incisività e il dettaglio dei TV di alta gamma vengono chiaramente a mancare, dall’altro non siamo rimasti affatto delusi dalla presentazione. I colori sono sì tendenti al caldo ma mai in modo troppo innaturale e, per trattarsi di un LCD, la profondità dei neri ci ha colpiti positivamente.

Lo stesso si può dire della gestione del movimento, con panning veloci e improvvisi resi però con molta morbidezza e senza scattosità. Stesse sensazioni che si hanno con il Blu-ray di Alien Covenant (dove la predominante cromatica calda perde di incisività per la particolare fotografia “bluastra” del film) e con i videogiochi. In modalità game l’input lag è davvero bassissimo e giocando a Doom con una PlayStation 4 Pro non abbiamo notato alcun problema su questo versante.

Samsung UE32M5500

Qualità audio

Come pensavamo, la qualità audio di questo TV è appena accettabile. La gamma alta suona infatti piccola e sottile e i bassi hanno una resa artificiale, ma nulla di molto peggio di un qualsiasi LCD da 32’’ che potete trovare oggi in commercio. Non male invece la gamma media a tutto vantaggio della chiarezza e centralità dei dialoghi, ma come spesso facciamo in questi casi consigliamo caldamente di abbinare al TV un impianto audio multicanale o quantomeno una soundbar.

Verdetto

Samsung UE32M5500

È vero che con circa 200 euro in più potete puntare direttamente al Samsung UE40MU6400 guadagnando in dimensioni e completezza (4K, HDR e audio leggermente migliore), ma il bello del Samsung UE32M5500 è proprio il suo mix tra prezzo aggressivo, dimensioni compatte e qualità video superiore alla media (almeno per TV di questo tipo).

Anche perché magari non siete interessati al 4K, o magari vi serve una seconda (o terza TV) da affiancare in casa al bestione da 65’’ che fa bella mostra in salotto. Insomma, se state cercando un TV non impegnativo ma completo e con una delle migliori interfacce sul mercato, l’avete trovato.

© 2017, AF Digitale. Tutti i prodotti sono stati provati nelle apposite sale di ascolto e di visione di What HiFi? e Stuff dal team editoriale con sede nel Regno Unito.

Social

Pin It on Pinterest