Featured home Notizie TV

Samsung: svelati i prezzi italiani dei TV QLED 2018

alexa

Sono otto i TV QLED 2018 che Samsung ha iniziato a rendere disponibili in Italia. Si parte da 2199 euro per il QE55Q7FNATXZT e si arriva a 4499 euro per il QE75Q7FNATXZT.

Sul sito italiano di Samsung sono finalmente approdati i prezzi dei nuovi TV QLED del 2018, di cui abbiamo parlato diffusamente qui. Iniziano a essere disponibili proprio in questi giorni in molti store online e negozi fisici e i prezzi italiani si sono rivelati in linea con quelle che erano le aspettative dopo l’annuncio dei prezzi in dollari di inizio marzo.

Ecco nel dettaglio i nove nuovi modelli con i relativi prezzi.

Samsung: svelati i prezzi italiani dei TV QLED 2018
Samsung QLED Q9N

Q9FN

QE55Q9FNATXZT (55″): 2.999 Euro
QE65Q9FNATXZT (65″): 3.999 Euro

Q8CN

QE55Q8CNATXZT (55″): 2.499 Euro
QE65Q8CNATXZT (65″): 3.499 Euro

Q7FN

QE55Q7FNATXZT (55″): 2.199 Euro
QE65Q7FNATXZT (65″): 2.999 Euro
QE75Q7FNATXZT (75″): 4.499 Euro

Samsung: svelati i prezzi italiani dei TV QLED 2018
Samsung QLED Q9N

La serie top di gamma Q9FN, del quale attendiamo più in là nel tempo il modello da 75’’ (che sarà anche il più costoso in assoluto), si distingue dal resto della line-up soprattutto per l’uso della retroilluminazione Direct Full Array Elite, al posto dell’edge-lit dei modelli del 2017. Ne consegue che i TV Q9FN hanno circa il doppio del numero di zone di controllo rispetto all’ex ammiraglia KS9500 dello scorso anno.

Tutto ciò è accompagnato dal Q Contrast Elite, che migliora il livello e i dettagli del nero e minimizza i fenomeni di bleeding attorno ai bordi degli oggetti luminosi nelle scene scure, senza dimenticare il nuovo motore di elaborazione a 16 bit che “alimenta” i pannelli a 10 bit. Samsung ha anche lavorato per migliorare l’antiriflesso e l’angolo di visione, riducendo al contempo la perdita di luce diagonale tra i pixel di circa il 40%.

Al di sotto della gamma Q9FN troviamo la serie con schermo curvo Q8CN (55’’ e 65’’) e la gamma Q7FN (55’’, 65’’, 75’’), mentre non ci sono ancora notizie sulla serie Q6FN QLED con i suoi modelli da 49’’, 55’’, 65’’, 75’’ e 82’’. Tutti i TV fin qui citati (a parte questi ultimi) supportano fin da subito l’HDR10+, hanno almeno 1500 nits di luminosità e godono della certificazione UHD Premium.

Samsung: svelati i prezzi italiani dei TV QLED 2018

Il miglioramento più significativo rispetto ai modelli dello scorso anno è però relativo al volume colore, che Samsung dice essere direttamente collegato alla capacità di luminanza dei quantum dot. Dopo un miglioramento del 15% della luminanza dal 2016 al 2017 ottenuto attraverso l’uso di dot più piccoli, il salto in avanti per i modelli del 2018 è di un ulteriore 5%. Samsung afferma che questo passo successivo garantisce una copertura del 100% dello spazio colore DCI-P3.

La funzionalità Ambient Mode è progettata per mettere in mostra il TV anche da spento. Funzionando molto probabilmente con un basso consumo energetico (e con la capacità di adattarsi alle condizioni di luce per l’efficienza energetica), questa modalità consente agli utenti di riempire lo schermo con, ad esempio, informazioni meteorologiche, un paesaggio o una foto da uno smartphone.

Samsung: svelati i prezzi italiani dei TV QLED 2018

Il box esterno One Connect 2.0 dei nuovi modelli è un po’ più grande rispetto alla versione precedente visto che quest’anno deve occuparsi anche dell’alimentazione. Come i modelli dell’anno scorso, il box si collega al televisore tramite il cavo (molto sottile) One Visible Connection, sebbene ora questo sia leggermente più spesso (stiamo parlando solo di millimetri) per assumersi appunto questa ulteriore responsabilità.

Il 2018 vede anche il ritorno del No Gap Wall Mount, sebbene siano stati fatti piccoli aggiustamenti per rendere l’installazione del TV ancora più rapida e semplice. Aspettiamoci inoltre un nuovo algoritmo di elaborazione audio intelligente sviluppato direttamente da Samsung, che mira a migliorare il suono a livello di dinamica e dettaglio in base al tipo di contenuto, identificandone i metadati e analizzando continuamente il segnale audio per regolarlo di conseguenza.


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest