Advertisement
Featured home HI-FI Prove

Rega Fono MM MK3: nuova vita ai vinili

Rega Fono MM MK3

Il preamplificatore Rega Fono MM MK3 ha il non facile compito di succedere al già straordinario MK2. Missione compiuta o c’è solo fumo e poco arrosto?

C’è sempre spazio per miglioramenti, anche se a volte le differenze tra la nuova versione di un prodotto e quella precedente sono a dir poco labili. Prendete per esempio il preamplificatore fono Rega Fono MM per testine Moving Magnet, arrivato quattro anni va alla versione MK2 con un’ottima accoglienza di critica e pubblico. Si tratta ancora oggi di un pre fono di assoluto rilievo anche per il prezzo al quale è venduto (circa 350 euro online) e, nonostante i rivali non siano mancati in questi anni, è difficile trovare sul mercato un altro prodotto così ben suonante a un simile prezzo.

Eppure, Rega ha deciso di dare un successore al MK2 con il nuovo Fono MM MK3 e se una tale scelta può sembrare discutibile viste le poche differenze tecniche tra i due modelli, in realtà il produttore britannico è riuscito a perfezionare ulteriormente un dispositivo già eccellente.

Rega Fono MM MK3

Costruzione

La motivazione principale dietro a questa nuova versione sembrerebbe solo estetica, in modo da portare sulla gamma Fono MM lo stesso look della serie Fono MC per testine Moving Coil. All’interno invece le modifiche apportare da Rega sono davvero minime, con solo aggiustamenti minori per ridurre i livelli di rumore.

Il nostro unico appunto al Rega Fono MM MK2 riguardava il dettaglio e il fatto che alcuni rivali si comportassero meglio su questo versante, pur perdendo il confronto se si guardava alla resa complessiva. Ebbene, il Fono MM MK3 dovrebbe teoricamente superare questo piccolo limite del suo predecessore e diventare per davvero il pre fono MM definitivo in questa fascia di prezzo.

Rega Fono MM MK3

A livello estetico rimane la solita sobrietà di Rega visto che frontalmente troviamo il solo pulsante di accensione, mentre sul retro abbiamo ingresso e uscita RCA, la messa a terra e il socket per l’alimentazione (Rega avvisa di utilizzare unicamente l’alimentatore PS1 compreso nella confezione).

Qualità audio

Il test è stato eseguito con un giradischi Clearaudio Concept (1300 euro online) e avevamo già capito la bontà del Fono MM MK3 ancora prima di arrivare alle battute finali del primo brano del vinile di Painting Of A Panic Attack dei Frightened Rabbit.

Rega Fono MM MK3

Rega infatti è riuscita ancora una volta a eccellere in tutti i comparti, prendendo la già ottima formula del MK2 e aggiungendovi una pulizia di suono ancor più spiccata, con il risultato di un sound più chiaro e brillante e di un range dinamico più ampio.

Ripetiamo che il test si sarebbe potuto concludere dopo pochi minuti, ma continuando l’ascolto abbiamo potuto apprezzare immensamente anche la delicata gestione del timing e delle dinamiche, caratteristiche che avevano reso già l’MK2 (ma anche un eccellente ampli integrato come il Brio) un pre fono da acquisto istantaneo.

Rega Fono MM MK3

Il soundstage continua a essere estremamente ampio ma sempre focalizzato e negli arrangiamenti più complicati come quelli di The Wreck l’MK3 non fa una piega, restituendo in modo impeccabile il reverbero in sottofondo, il falsetto di Scott Hutchinson e la gamma bassa in un mix che suona sempre coeso e coerente.

Verdetto

C’è poco da dire. Anche se eravamo dubbiosi su come l’MK3 potesse superare il suo nobile predecessore, dobbiamo ammettere che Rega è riuscita alla grande in questa difficile impresa. Aspettatevi quindi un MK2 con meno disturbi e prestazioni sempre da primo della classe.

© 2017, AF Digitale. Tutti i prodotti sono stati provati nelle apposite sale di ascolto e di visione di What HiFi? e Stuff dal team editoriale con sede nel Regno Unito.

Social

Pin It on Pinterest