Featured home In pratica

Tutto quello che dovete sapere sul Bluetooth 5

Bluetooth 5

Anche i nuovi iPhone si apprestano ad arrivare sul mercato con a bordo il Bluetooth 5. Ma cos’è questo nuovo standard e quali benefici porterà?

Con la crescente popolarità e la diffusione sempre più capillare di cuffie wireless e dispositivi indossabili, il Bluetooth non è mai stato così tanto sulla cresta dell’onda come ora. Non a caso secondo il Bluetooth Special Interest Group, l’ente che sovrintende allo sviluppo di questa tecnologia, nel 2020 ci saranno al mondo 13,9 miliardi di dispositivi wireless con a bordo un chip Bluetooth.

Un motivo in più per accogliere con favore il Bluetooth 5, l’ultima revisione dello standard in ordine di tempo che si porta dietro un potenziale enorme per lo sterminato mondo della Internet of Things e della musica wireless. Per questo, esattamente un anno dopo la nostra prima news a riguardo, abbiamo deciso di tornare a parlare del Bluetooth 5 in modo più approfondito e di scoprire come nel frattempo il mercato abbia accolto questa evoluzione dello standard.

Tutto quello che dovete sapere sul Bluetooth 5

 

Cos’è il Bluetooth?

Il Bluetooth, tecnologia di trasmissione dati senza fili presente da anni su smartphone, tablet, smartwatch, notebook, desktop, cuffie, auricolari e speaker, permette a due dispositivi di “parlarsi” in modalità wireless e di scambiarsi dati. Uno smartwatch ad esempio riceve le notifiche dallo smartphone connesso via Bluetooth, mentre sempre uno smartphone può inviare una canzone a uno speaker o a cuffie wireless.

Quanto è più potente il Bluetooth 5?

Rispetto alla versione precedente (Bluetooth 4.2 Low Energy) il Bluetooth 5 è molto più potente. È due volte più veloce, ha un range quattro volte superiore e può trasferire dati fino a una quantità otto volte superiore.

Tutto ciò, ai fini pratici, si traduce in una banda passante di 2Mbps (molto utile per la stabilità del segnale e per l’upload di dati) e in una distanza massima tra device ricevente e trasmittente di 240 metri, che rende il Bluetooth 5 uno standard finalmente maturo anche per la Internet of Things e per ambiti come la smart home (videocamere di sicurezza, termostati ed elettrodomestici connessi).

Tutto quello che dovete sapere sul Bluetooth 5

Inoltre è possibile connettere più di un paio di cuffie/auricolari a una singola sorgente e, se il vostro dispositivo ha la giusta funzionalità come nel caso del Bluetooth Dual Audio di Samsung, è possibile gestire il volume di ciascuna cuffia in modo indipendente. Una funzione che può tornare molto utile ad esempio quando si viaggia in compagnia in treno o in aereo e si vuole condividere la musica che stiamo ascoltando con il nostro compagno di viaggio dotato della propria cuffia Bluetooth.

Quali sono i dispositivi compatibili con il Bluetooth 5?

Al momento non ce ne sono molti, anche se il loro numero sta piano piano aumentando. I Galaxy S8 e S8 Plus di Samsung, sul mercato da circa cinque mesi, sono stati i primi smartphone con a bordo il Bluetooth 5, seguiti dal Galaxy Note 8 e dagli imminenti LG V30, iPhone 8, 8 Plus e iPhone X. Mancano invece all’appello cuffie, auricolari o speaker Bluetooth 5 (i primi modelli sono attesi entro fine anno) e quindi, almeno per il momento, non si può trarre giovamento dalle principali novità apportate dal Bluetooth 5.

Tutto quello che dovete sapere sul Bluetooth 5

Se però avete un Galaxy S8 o un Galaxy S8 Plus, potete sfruttare la funzione Bluetooth Dual Audio con qualsiasi cuffia, auricolare o speaker Bluetooth esistente in commercio, eseguendo il pairing con lo smartphone come fareste solitamente e scegliendo la voce Dual Audio dal menu nella parte superiore destra del display.

Il Bluetooth 5 migliorerà la qualità audio wireless?

Sfortunatamente no. Il focus del Bluetooth 5 è infatti su Internet of Things e connettività potenziata e il Bluetooth Special Interest Group non ha mai menzionato un miglioramento della qualità audio. Questo però non vuole dire che chi è solito ascoltare musica con dispositivi Bluetooth non riceverà benefici dal nuovo standard. Come abbiamo già detto infatti, le cuffie e gli speaker wireless funzioneranno a una distanza molto maggiore dalla sorgente audio alla quale sono connessi e, volendo, è possibile streammare simultaneamente l’audio a una cuffia e a uno speaker, anche se questo è dall’altra parte della casa.

Tutto quello che dovete sapere sul Bluetooth 5

Il Bluetooth 5 infine dovrebbe migliorare la durata delle batterie, dal momento che è più efficiente e utilizza meno energia rispetto al Bluetooth 4.2 LE. In questo modo si potrebbe far guadagnare una buona percentuale di autonomia a speaker, cuffie e auricolari, anche se per dirlo con assoluta certezza attendiamo i primi prodotti per testarli a fondo.


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest