KOCH MEDIA Grosso Guaio a China Town AF DIGITALE
Featured home Notizie TV

Il primo TV micro-LED al CES 2018? Sarebbe bello

Il primo TV micro-LED al CES 2018? Sarebbe bello

Secondo alcune fonti giornalistiche Samsung potrebbe presentare il primo TV micro-LED al mondo già al CES 2018.

Manca poco più di un mese al CES 2018 di Las Vegas ed è quindi ancora presto per ipotizzare i prodotti più cool e significativi dell’evento. Eppure, secondo quanto riportato da The Investor, una delle novità di più grande richiamo potrebbe essere il primo TV micro-LED al mondo, proposto in questo caso da Samsung.

Se così fosse, si tratterebbe di una novità molto importante e a lungo attesa, visto che per ora non esistono in commercio simili TV. I micro-LED sono infatti LED di dimensioni estremamente ridotte capaci di emettere luce direttamente come gli OLED, senza quindi la necessità di una retroilluminazione.

Il primo TV micro-LED al CES 2018? Sarebbe bello

I benefici dei micro-LED, oltre al nero assoluto con i LED spenti, sono da ricercare nell’elevata luminosità a tutto favore dell’HDR, nei consumi ridotti e nell’assenza di ritenzione, anche perché a differenza degli OLED qui non parliamo di materiali organici. Fatto sta che al momento schermi micro-LED si sono visti solo in alcune sale cinematografiche grazie ai Cinema LED Screen di Samsung, mentre i display Sony CLEDIS (Crystal LED Integrated Structure) sono per ora riservati ad ambiti come luoghi pubblici, musei, applicazioni industriali e studi televisivi.

Non è un caso se il possibile TV micro-LED di Samsung che vedremo al CES 2018 sarà un bestione da 150’’ evidentemente non rivolto a un pubblico di massa, anche perché diversi esperti sostengono che questa tecnologia vada ancora perfezionata per essere proposta a prezzi e con dimensioni appetibili per il grande pubblico.

A quanto pare Samsung starebbe collaborando con il produttore taiwanese TSMC proprio in ottica micro-LED e si ipotizza già un primo TV dai costi e dalle dimensioni più umane entro fine 2018, anche se per ora è davvero troppo presto per lanciarsi in previsioni.


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest