AF Natale Audio portatile Prove

Powerbeats 3 Wireless: non solo per sport

beats powerbeats 3 lead

Con le Powerbeats 2 ormai in pensione, è tempo di upgrade e se cercate auricolari wireless sportivi per il vostro iPhone 7, le Powerbeats 3 Wireless sono un vero e proprio must-buy.

Che le amiate o le odiate, le cuffie Beats e i Powerbeats  sono ormai come il prezzemolo, soprattutto se vi guardate attorno mentre faticate in palestra. In effetti gli auricolari in-ear Powerbeats 2 Wireless hanno riscosso un indubbio successo tra gli amanti dello sport e del fitness, anche se molti li hanno trovati scomodi a causa della difficoltà di farli rimanere stabilmente dentro le orecchie, nonostante i gommini di varie misure inclusi nella confezione.

Cosa che è successa anche al sottoscritto, che dopo vari tentativi andati a vuoto e dopo l’ennesima disconnessione dall’iPhone 6S Plus, ha preferito rivendere i Powerbeats 2 Wireless e sostituirli (con molta più soddisfazione) con gli eccellenti Bose Soundsport Wireless. Ma questa è un’altra storia.

Ora infatti vogliamo concentrarci sui Powerbeats 3 Wireless, i nuovi auricolari in-ear sportivi dell’azienda americana acquistata da Apple nel 2014 che potete trovare online a partire da circa 170 euro, sebbene il prezzo di listino sia di 199 euro.

Questo nuovo modello promette di essere diverso dal predecessore, se non altro perché Beats, per voce del suo stesso presidente Luke Wood, pare abbia risolto i problemi di stabilità emersi con i Powerbeats 2 che tante lamentele avevano suscitato tra i loro possessori. Inoltre i Powerbeats 3 Wireless integrano il chip W1 di Apple, già visto nelle cuffie Beats Solo3 e negli imminenti (almeno speriamo) auricolari AirPods. Saranno bastate queste due novità a cambiare davvero le cose e farci dimenticare i Powerbeats 2?

Powerbeats 3 Wireless: non solo per sport

Powerbeats 3, nuova generazione?

A prima vista in realtà non sembra cambiato nulla rispetto al modello precedente. I Powerbeats 3 Wireless infatti hanno lo stesso look e design dei predecessori, con un cavo piatto e sottile che collega i due auricolari e un design a gancio che garantisce una stabilità ottimale. I colori tra cui scegliere sono cinque (bianco, blu, giallo, nero e rosso); meno di quelli dei Powerbeats 2, ma va anche detto che gli auricolari sono appena usciti sul mercato e quasi sicuramente si aggiungeranno altre colorazioni.

Non sappiamo esattamente cosa Beats abbia fatto per migliorare la stabilità di questi auricolari, ma il risultato è davvero sorprendente. Li abbiamo provati per ore e ore camminando e correndo con i copriauricolari di default (ce ne sono comunque di differenti misure) e, contrariamente a quanto succedeva con i Powerbeats 2, questa volta gli auricolari non si sono mossi di un centimetro mentre eravamo in movimento.

Volendo, possiamo stringere il cavetto che collega i due auricolari, ma non ne abbiamo mai sentito l’esigenza e anche come resistenza al sudore e alla pioggia non abbiamo riscontrato alcun problema, sebbene su questo versante si dovrebbe aspettare almeno qualche mese per saggiare la vera tenuta degli auricolari. Che non sono comunque del tutto impermeabili e che quindi vi sconsigliamo di utilizzare in piscina.

Powerbeats 3 Wireless: non solo per sport

Torna anche il comando in linea RemoteTalk che tanto bene ha figurato in altri auricolari Beats e che, in effetti, rimane tra le unità migliori di questo tipo per auricolari di tipo sportivo. Ogni volta che si preme il pulsante per rispondere a una chiamata, interrogare Siri o controllare la riproduzione musicale si ha un’ottima sensazione al tatto e il tutto funziona alla perfezione.

Il tocco magico

I Powerbeats 3 Wireless non sono i primi auricolari a montare il chip W1 di Apple, ma sono i più piccoli e compatti. Basta accenderli e, se si ha un iPhone 7 o 7 Plus, vengono subito riconosciuti senza andare nelle impostazioni del Bluetooth, eseguire il pairing e aspettare l’accoppiamento.

Una semplicità di utilizzo davvero sorprendente e anche a livello di connettività abbiamo apprezzato il mix di Bluetooth e Wi-Fi offerto dal W1, che ha portato a ottime prestazioni a livello di autonomia e portata del segnale.

Prima infatti si era costretti a tenersi lo smartphone sempre vicino (si sa che il Bluetooth non fa miracoli in questo senso), ma in palestra con le Powerbeats 3 Wireless abbiamo tenuto il nostro iPhone 7 Plus negli spogliatoi e riuscivamo comunque ad avere segnale sufficiente per farci accompagnare dalla musica durante gli esercizi con gli attrezzi.

L’autonomia poi è pressoché raddoppiata rispetto alle Powerbeats 2 e ora si riescono a raggiungere quasi le 12 ore con una singola carica; tempo che, a seconda delle proprie abitudini, permette di non caricare gli auricolari anche per una settimana. Una bella comodità e un plus non da poco rispetto a quasi tutti gli in-ear sportivi della concorrenza.

Powerbeats 3 Wireless: non solo per sport

Se poi vi capitasse di rimanere senza batteria, con la funzione Fast Fuel potete ottenere un’ora di autonomia dopo solo 5 minuti di ricarica. Rispetto ai Powerbeats 2 inoltre non abbiamo più riscontrato i problemi di connettività Bluetooth tra un device e l’altro. Nella nostra prova infatti abbiamo connesso gli auricolari all’Apple Watch Series 2 per una corsetta e, dopo qualche ora, a un iPhone 7 Plus senza riscontrare la minima incertezza.

Qualità audio

Un aspetto sul quale le cuffie Beats non sono ancora riuscite a eccellere, nonostante i milioni spesi in marketing e l’endorsement di tante celebrità, è la qualità audio. Negli ultimi tempi però la situazione è andata migliorando e anche se allo stesso prezzo ci sono ormai tantissime alternative (anche migliori per certi punti di vista), le Beats non sono più ritenute “offensive” agli occhi (e alle orecchie) degli appassionati di audio come lo erano agli esordi.

Su questo versante le Powerbeats 3 Wireless sono probabilmente il prodotto migliore mai uscito dall’azienda americana. Hanno un sound davvero completo, equilibrato, potente e dettagliato e possono competere senza complessi di inferiorità con i migliori esponenti del settore, comprese le già citate Bose SoundSport Wireless.

Si può alzare molto il volume senza incorrere in distorsioni indesiderate, il dettaglio non manca e finalmente non c’è quell’enfasi sui bassi che bene o male ha sempre caratterizzato i prodotti Beats. Ottimo anche il comportamento del microfono in linea, tra i migliori mai testati in auricolari di questo genere. Non è un caso se, per la prima volta, il vento e i rumori del traffico non ci hanno impedito di eseguire chiamate telefoniche senza problemi di sorta.

Powerbeats 3 Wireless: non solo per sport

Il nostro verdetto

Si fa sempre fatica a trovare i perfetti auricolari in-ear wireless per lo sport. C’è infatti sempre qualche difetto da tenere in considerazione tra la stabilità nelle orecchie, le disconnessioni, la qualità audio o i problemi nel pairing tramite Bluetooth.

Le Powerbeats 3 Wireless sono forse il primo prodotto del genere in cui questi problemi non si sono presentati dopo decine di ore di test e, soprattutto se avete un iPhone 7 o 7 Plus, sono auricolari in-ear da non lasciarsi sfuggire. Senza l’ultimo melafonino invece perdono un po’ di appeal e conviene forse puntare sulle Bose SoundSport Wireless, che per qualche decina di euro in meno sapranno darvi pari soddisfazioni, soprattutto come qualità audio.

© 2016 – 2018, AF Digitale. Tutti i prodotti sono stati provati nelle apposite sale di ascolto e di visione di Powerbeats 3 Wireless: non solo per sport e Powerbeats 3 Wireless: non solo per sport dal team editoriale con sede nel Regno Unito.

In sintesi
  • Powerbeats 3 Wireless
5

Il nostro verdetto

Con le Powerbeats 2 ormai in pensione, è tempo di upgrade e se cercate auricolari wireless sportivi per il vostro iPhone 7, le Powerbeats 3 Wireless sono un vero e proprio must-buy.

Pro
Il chip W1 aumenta autonomia e portata del segnale
Prestazioni eccellenti
Indossabilità comoda e soprattutto stabile

Contro
Senza un iPhone 7 o 7 Plus perdono un po’ del loro fascino

Scheda tecnica
Microfono: RemoteTalk in linea
Connettività: Bluetooth/Wi-Fi
Autonomia: fino a 12 ore
Prezzo: 199,95 euro
Sito del distributore italiano: www.apple.com/it


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest