JBL LINK AUDIOCONNESSO
Featured home Home cinema Notizie

McIntosh: un tris di novità per gli amanti dell’home cinema

mcintosh

Due processori AV (MX170, MX123) e un amplificatore a cinque canali (MC255) entrano nel catalogo McIntosh per la gioia degli appassionati di home cinema

McIntosh ha annunciato la disponibilità in Gran Bretagna e negli USA di tre nuove elettroniche (due processori e un amplificatore) che faranno sognare tantissimi appassionati di home cinema, mentre per quanto riguarda prezzi e disponibilità in Italia attendiamo ancora notizie da parte del distributore MPI Electronic.

Si parte dal processore AV MX170 (19.995 sterline), che tra 12 HDMI compatibili con segnali 4K-HDR10-Dolby Vision (otto ingressi, quattro uscite) e supporto per i formati Dolby Atmos, DTS:X e Auro-3D parte subito alla grande a livello di specifiche. Tre delle uscite HDMI supportano Audio Return Channel (ARC), mentre la quarta beneficia della funzionalità Enhanced Audio Return Channel (eARC) per consentire a una traccia audio Atmos e DTS:X di passare direttamente da un TV al processore.

McIntosh ha implementato anche un’uscita HDBaseT progettata per prevenire la perdita del segnale quando la distanza tra schermo e processore è notevole, mentre la tecnologia RoomPerfect serve per calibrare l’audio in tutti i suoi aspetti per compensare l’acustica della stanza. La connettività del MX170 si estende anche a quattro ingressi ottici, tre coassiali e prese USB e digitali bilanciate.

McIntosh: un tris di novità per gli amanti dell’home cinema
McIntosh MX170

Gli ingressi analogici sono altrettanto completi visto che parliamo di due input bilanciati, di quattro sbilanciati, di uno stadio phono e di prese 7.1 non bilanciate. Le uscite bilanciate per la connessione a un amplificatore di potenza supportano una configurazione di diffusori surround fino a 15.1 canali, anche se, usando meno diffusori, c’è la possibilità di ricorrere al bi-amp per gli speaker utilizzati.

La seconda novità del produttore americano è il processore AV MX123 (9995 sterline), che supporta 13.2 canali discreti, oltre a molte delle funzionalità di MX170 tra cui HDMI eARC, Dolby Atmos, DTS:X, Auro-3D, Dolby Vision, HDR10 e HLG. Non mancano all’appello AirPlay 2, Bluetooth, Spotify Connect, certificazione IMAX Enhanced e supporto per file DSD128 e ALAC 192kHz. oltre alla calibrazione Audyssey MultEQ XT32.

McIntosh: un tris di novità per gli amanti dell’home cinema
McIntosh MX123

I 13.2 canali del MX123 sono disponibili tramite uscite audio sia bilanciate che sbilanciate, mentre altre due uscite sbilanciate offrono ulteriore versatilità di connessione. I suoi sette ingressi e tre uscite HDMI sono tutti conformi ad HDCP 2.3 per le specifiche di protezione dei contenuti digitali. Completano l’elenco di connettività una pletora di ingressi (quattro digitali, uno bilanciato, sette analogici non bilanciati, uno stadio phono MM, una porta USB di tipo A, tre ingressi Component e quattro video composito) e uscite (due analogiche non bilanciate, due composito e una Component).

Il terzo prodotto consiste invece nell’amplificatore home cinema a cinque canali MC255 (9995 sterline), che presenta il nuovo TripleView Power Output Meter proprietario per identificare ogni lettura di potenza dei tre canali anteriori in tempo reale. La capacità del filtro è stata aumentata del 50% rispetto al precedente modello a cinque canali, risultando in un headroom dinamico molto maggiore (da 1,7 dB a 3,6 dB). Anche la potenza è aumentata a 250 watt per canale e, quando vengono utilizzati tutti e cinque i canali, la tecnologia Dynamic Power Manager punta a garantire la massima potenza indipendentemente dal fatto che vengano utilizzati diffusori da 4 o 8 Ohm.

McIntosh: un tris di novità per gli amanti dell’home cinema
McIntosh MC255

Molte tecnologie familiari a chi conosce i prodotti McIntosh trovano posto in questo ampli. Ecco allora Power Guard per prevenire potenziali danni ai diffusori a causa del clipping e dell’overdrive dell’amplificatore, mentre la tecnologia Sentry Monitor serve per prevenire i cortocircuiti. Per mantenere infine fresco e silenzioso l’MC255, McIntosh ha integrato anche quattro dei suoi dissipatori di calore Monogrammed annunciati recentemente.


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest