AF Gaming AF Gaming slider Featured home Preview

Game 2019 – L’anno che verrà

Game 2019 – L'anno che verrà

Tanti i progetti previsti per il nuovo anno tra fantascienza, horror, adventure, survival, inventiva artistica e potenzialità Home Theater

Mentre è in corso il conto alla rovescia in queste ultime ore del 2018 diamo un’occhiata più da vicino ai game 2019 tra i più attesi, per cui già circolano immagini e video in anteprima, senza perdere di vista l’indicatore delle potenzialità in ambito Home Theater.

Molti di questi titoli saranno disponibili a risoluzione 4K con supporto HDR wide color gamut, ma come ci ha insegnato anche il recente passato è importante la giusta progettazione che tenga conto della migliore flessibilità e fluidità in termini di frame rate in combinata con un comparto sonoro altrettanto degno di essere ascoltato attraverso i diffusori dell’impianto multicanale, immergendosi in un ambiente sonoro a più ampio spettro quanto a dinamica e risposta in frequenza, possibilmente senza ‘friggersi’ i padiglioni auricolari indossando per ore un headset.

Game 2019 – L'anno che verrà

E Fallout 76? Prima della fine del 2018 ci sarebbe piaciuto condividere con voi le nostre impressioni Home Theater vissute sul campo ma purtroppo dopo aver eseguito il download da PS Store del codice gentilmente ricevuto dall’ufficio stampa ci siamo ritrovati di fronte a un problema apparentemente invalicabile. Un codice di errore (2:0:18446744071567640669) che abbiamo passato all’assistenza Bethesda aprendo un ticket.

Tale codice di errore risulta segnalato in rete solo da un altro paio di utenti, di lingua ispanica, che hanno chiesto supporto a chiunque fosse a conoscenza di un’eventuale soluzione. Col timore che potesse trattarsi di un problema di accesso a livello di utente abbiamo creato un nuovo account Bethesda e poi anche PS Network ma i tentativi hanno condotto sempre al medesimo codice.

Game 2019 – L'anno che verrà

Assistenza Bethesda che ci ha dato suggerimenti che non hanno condotto ad alcuna soluzione, per lo stesso ticket 4 risposte da 4 diversi interlocutori, consigli come per esempio spegnere completamente la console e togliere corrente, switchare dalla connessione Wi-Fi al cavo di rete, il forward delle game port da verificare sul router ridirigendoci in ultima analisi al supporto Sony. Vedremo se la situazione si sbloccherà dopo le feste e ve ne daremo conto.

A cappello della nostra personalissima selezione di Game 2019 anche un elenco di progetti, tutti molto attesi, che al momento risultano ancora in alto mare per i quali non vi è alcuna data certa di pubblicazione: Beyond Good And Evil 2, Starfield, Metroid Prime 4, Death Stranding (Hideo Kojima), Cyberpunk 2077, Halo Infinite, Final Fantasy 7 remake, The Last Of Us Part 2, Star Wars Jedi: Fallen Order, Gears Of War 5, Elder Scrolls 6, Bayonetta 3.

Come tutti gli anni la lista dei game al momento previsti per il 2019 è al solito lunga e articolata, ripercorriamo assieme alcuni dei più interessanti e stimolanti progetti in divenire nei prossimi mesi.

Max Payne 4

In alto mare ma forse non troppo anche un hard boiled assoluto e sparatutto in terza persona. 17 anni fa Max Payne fu molto amato sin dal lancio su PC giungendo solo dopo su console, ancora oggi ricordato con piacere. Non si trattava solo dell’ingegnerizzazione in se del game se ma della forte impronta cinematografica che Remedy Entertainment era riuscita a donargli combinata al fortunato e bravo cartello di doppiatori tra cui Giorgio Melazzi a dare la voce all’ex agente di polizia di New York poi entrato a far parte della DEA, dipartimento antidroga.

Game 2019 – L'anno che verrà
Max Payne 2: The Fall Of Max Payne

Adrenalinica avventura poi proseguita con un eccellente sequel, strepitoso nella messa in scena e ancor più coinvolgente sino all’eccellente epilogo sulle note dell’iconico brano “Late Goodbye” dei Poets Of The Fall. Salto di qualità grafica col terzo progetto Max Payne, fedele al concept sparatutto in terza persona, esaltando come sempre gli scontri a fuoco grazie al ‘Bullet Time’, dilatazione limitata del tempo con ralenty favorendo la mira ed esaltando la cinematicità del momento.

Il game seguiva l’ingiusto insuccesso del film ispirato al game diretto da John Moore e interpretato da Mark Wahlberg. A distanza di 6 anni i fan sono tutt’ora in attesa del sequel, di cui voci non confermate parlano già di una versione migliorata del ‘Bullet Time’, così come è manifesto il desiderio di tornare ai fasti dei primi 2 titoli in termini di trama.

Ecco com’era il ‘Bullet Time’ in Max Payne 3

Game 2019 – L'anno che verrà

Per quanto riguarda la data di rilascio non vi è ancora nessun dato certo, se non il fatto che “P7”, come è stato identificato, è un ‘gioco d’azione cinematografico in terza persona ambientato in un nuovo universo creato da Remedy, creerà meccaniche di gioco e tecniche di storytelling aumentandone la longevità’. Il game inoltre consentirà il test approfondito del ‘motore’ aggiornato RAGE, che metterà in mostra le capacità dei progetti next-gen di Rockstar.

Control

Elementi soprannaturali sono alla base della storia raccontata in Control, altro game Remedy che imposta la visuale in terza persona. Avventura da vivere nei panni della giovane donna Jesse Faden, che in seguito a un drammatico evento vissuto ancora piccola ha acquisito poteri extra sensoriali. L’ambientazione è quella del quartier generale del Federal Bureau of Control, segreta organizzazione governativa col compito di indagare e arginare misteriosi eventi legati al sovrannaturale.

Game 2019 – L'anno che verrà

In seguito all’invasione di misteriose forze che hanno sconquassato la base, Jesse viene nominata responsabile del Bureau e chiamata e indagare. Nella manciata di minuti di presentazione del game si osserva un’eccellente ambientazione, ricchezza dettagli e sensazione di ampia manovrabilità del personaggio.

Possibile la difesa con armi da fuoco ma Jesse ha dalla sua i poteri telecinetici grazie ai quali può sollevare suppellettili e detriti per difendersi dai proiettili nemici così come controllare e scagliare oggetti.

Game 2019 – L'anno che verrà

Qualcuno però vorrebbe che Jesse non solo seguisse le tracce dell’invasore, arrivando ad approfondirne natura e potenza per ben altri scopi. Data da stabilirsi, sarà disponibile per PC, Xbox One e PS4, primo game Remedy su console Sony dopo la precedente esperienza con Max Payne 2.

Crackdown 3

Tutto è iniziato nel 2007 col primo Crackdown, sparattutto in terza persona che metteva il gamer nei panni di un agente modificato geneticamente e in quanto tale capace di azioni fuori dal comune. Il super poliziotto è chiamato a bonificare una grande metropoli da 3 bande criminali. L’area su cui muove l’eroe è incredibilmente vasta e se la mappa lo mostra allora è terreno calpestabile. Grande libertà di movimento in cerca di tutte le sfere di potenziamento. Lo stile alla base molto fumettoso che è proseguito con Crackdown 2 e così dovrebbe essere per Crackdown 3, con un numero di diverse organizzazioni che controllano la città di New Providence, gang da eliminare ovviamente compresi i boss, distruggere strutture e destabilizzare le infrastrutture.

Game 2019 – L'anno che verrà

A disposizione ampia varietà di armi, per dimensioni e potenza, possibilità di mettersi alla guida di qualsiasi veicolo. Proprio come in passato l’eliminazione dei nemici con diverse modalità e il recupero di pickup nascosti assegna delle sfere che aumentano le abilità come agilità, armi da fuoco, forza, esplosivi e guida.

La novità sta nel cosiddetto sistema “Gangs Bite Back“, nel quale i sale l’attenzione dei criminali, che si scatenano in rappresaglie, attirando a loro volta i boss. Presente anche una modalità multiplayer competitiva, la “Wrecking Zone”, in cui l’intera città potrà venire rasa al suolo.

Game 2019 – L'anno che verrà

Il game muove il racconto a un decennio di distanza da Crackdown 2, quando un nuovo attacco terroristico mette in ginocchio la civiltà e tutti gli indizi conducono alla misteriosa organizzazione chiamata Terra Nova. Tra i volti noti della serie non mancherà nemmeno quello del comandante Jaxon, che avrà volto e muscoli del simpatico attore di colore Terry Crews, il quale è stato coinvolto in una serie di trailer pre-lancio del game Microsoft con una finestra di uscita a febbraio 2019.

World War Z

Risale al 2013 l’omonimo film di Marc Forster con protagonista Brad Pitt, benché ottimamente congegnato e coinvolgente sempre e comunque a base di zombie. Morti viventi che proprio come nel film sono runner scatenati che però possono venire abbattuti non solo colpendoli alla testa.

L’incipit del game è identico al film: gli zombie corrono e muovono in sciami così rapidamente che colpendoli vanno altrettanto rapidamente a creare vere e proprie cataste di corpi inermi, saranno sempre sufficienti le munizioni di cui si potrà disporre, con tutta probabilità non si tratterà sempre di andare allo sbaraglio sperando di spuntarla, ma occorrerà agire anche d’astuzia.

Game 2019 – L'anno che verrà

Gore stratificato, morti viventi anche ‘diversi’ non mancheranno di cogliere il gamer di sorpresa come per esempio uno zombie corazzato. Tutta da sperimentare la risoluzione delle immagini e il rischio di pesanti cali di frame rate nel momento in cui entreranno in scena numerosi protagonisti.

Vedremo cosa sarà in grado di fare il nuovo motore Swarm di Sabre Interactive, che quanto meno nel trailer sembra proprio sapere il fatto suo. Numerose le location prevista come New York e Mosca sotto la neve.

Game 2019 – L'anno che verrà

A distanza di 6 anni dall’uscita nelle sale è (quasi) giunto il momento di andare sul campo ad affrontare le belligeranti orde di non morti, da soli o in compagnia all’interno di quelle che si preannunciano come ambientazioni davvero niente male. Da Saber Interactive il game sarà disponibile per PC, PS4 e Xbox One, ovviamente basato sul materiale del film. Anche se non è stata fissata una data d’uscita è più che probabile che il game farà a sua volta da volano al secondo film, World War Z 2, che vede già confermato Brad Pitt come protagonista e niente meno che David Fincher alla regia (il cui ultimo film risale al 2014, lo splendido Gone Girl).

Anthem

In uscita a febbraio da Electronic Arts, il game sarà disponibile per PC, PS4 e Xbox One. Ambientazione fantascientifica che a quanto è dato vedere in alcune lunghe demo dimostrative delle potenzialità del gioco immerge i partecipanti, massimo 4, all’interno di un mondo che in parte richiama alla memoria quello del film Avatar di James Cameron. Il gamer muove per territori sconosciuti e pericolosi indossando una serie di armature e una dotazione offensiva oltre che la possibilità di colmare le distanze librandosi in volo.

Game 2019 – L'anno che verrà

Una progettazione estremamente articolata senza perdere di vista i vari elementi che concorrono ad uso e consumo di quanto si va a indossare: per esempio l’uso eccessivo dei motori che danno la spinta per alzarsi da terra ne provoca il surriscaldamento, ma possono venire raffreddati passando sotto una cascata di acqua.

I cosiddetti ‘Specialisti’ dispongono di dotazioni diverse e diversa capacità di fuoco, sorta di reciproco complemento corazzato per combattimenti ravvicinati e a breve distanza.

Game 2019 – L'anno che verrà

La base da cui ci si muove per le missioni è quella di Fort Tarsis, costruzione adatta a respingere l’agguerrito nemico. Visuale in terza persona, la qualità delle texture appare ricca e lascia la sensazione di saper calare il gamer in un variopinto e fantasioso ambiente dinamico. Non di meno la fluidità dovrebbe aprire a un livello estremo di controllo del proprio personaggio corazzato.

Devil May Cry 5

L’hack ‘n’ slash è una sotto categoria dei game di combattimento dove ‘tagliare e squarciare’ con spade affilate e magari l’ausilio di un’ulteriore arma, possibilmente da fuoco, è il leit motiv di titoli che hanno fatto storia nel loro genere tra cui Bayonetta e la lunga saga di Devil May Cry. Per quest’ultimo tutto è iniziato su PS2 nel 2001 con la prima omonima avventura che subito iconizzò il personaggio principale, Dante, ibrido figlio di un’umana e del demone Sparda.

Game 2019 – L'anno che verrà

L’idea alla base quella di creare una sorta di spin-off di Resident Evil ma ci si rese conto che gli elementi che componevano il game andavano in tutt’altra direzione. Ambientazione gotica, scontri frenetici, una colonna sonora heavy metal, orde di mostruosità all’assalto e ben 5 boss da eliminare.

Nel quinto installment del franchise la storia si ripete e certo anche a migliorarsi in termini di fluidità e precisione dei controlli, con una collocazione temporale a distanza di anni da Devil May Cry 4.

Game 2019 – L'anno che verrà

Il nuovo corso del franchise darà la possibilità al gamer di impersonare sia Dante che altri due personaggi, il noto Nero (giovane che lavora per l’Ordine della Spada e usa i poteri del diavolo ereditati da Sparda per cacciare i nemici) oppure nei panni del misterioso ‘V’, soggetto che nell’incipit del racconto coinvolge Dante chiedendogli di intervenire per capire cosa stia accadendo alla Terra, assalita da orde di mostruose creature che l’hanno messa in ginocchio. Tra le novità il braccio robotico ‘Devil Breaker’ in possesso di Nero che consente di agganciare i nemici da lontano e immobilizzarli. Al termine dei vari scontri il gamer guadagna punti per ulteriori potenziamenti.

Resident Evil 2 Remake

Gli zombie più famosi sono certo quelli della Umbrella Corporation, resi ancora più celebri dall’omonima saga cinematografica (forse) terminata col recente Resident Evil: The Final Chapter del 2016. Alti e bassi per una saga survival horror in terza persona che nonostante i pesanti limiti della console regalò emozioni a milioni di gamer sin dall’esordio sulla prima PlayStation, mentre non possiamo non ricordare il magnifico Residend Evil (alias Bio Hazard Rebirth) che fu possibile giocare su Nintendo Game Cube e ancora oggi salutato tra i migliori concept.

Game 2019 – L'anno che verrà

Il prossimo 25 gennaio sarà invece la volta di Resident Evil 2, giunto sempre sulla prima PlayStation nel 1998 e di cui la nuova versione ne è il remake a tutti gli effetti, ripartendo da zero nella creazione della grafica attraverso lo stesso motore usato nel capitolo VII Biohazard, disponibile su PC, Xbox One e PS4. Dai video che circolano in rete si nota la scelta di una migliore posizione del punto di visuale sopra le spalle favorendo il colpo d’occhio del personaggio e ciò che lo circonda.

Nel remake come allora l’avventura è legata ai due poliziotti di Raccoon City, Claire e Leon, chiamati al servizio del cittadino e allo stesso tempo a sopravvivere nell’inferno di un’epidemia che ha mutato le persone in zombie.

Game 2019 – L'anno che verrà

Stando al comunicato stampa di Capcom ‘il gioco è stato completamente ricostruito da zero per un’esperienza narrativa più immersiva. Utilizzando il motore RE proprietario di Capcom, Resident Evil 2 offre una nuova versione della classica saga survival horror con una grafica incredibilmente realistica, audio coinvolgente, nuovi angoli di visuale e miglioramento dei controlli’. Sopravvivenza, esplorazione, puzzle da risolvere metteranno i nervi a dura prova di chi avrà il coraggio di intraprendere un’avventura non di meno grafica e raccapricciante.

Far Cry New Dawn

Altro franchise miliardario amatissimo dagli appassionati di FPS adventure che dal 15 febbraio vedrà aggiungersi il sesto installment della serie. Far Cry 5 era ambientato nell’immaginaria contea statunitense di Hope, dove un sanguinario e invasato religioso aveva creato un’agguerrita setta che andava smantellata un pezzo dopo l’altro. Favolosa ambientazione dal retrogusto molto cinematografico che a quanto è dato vedere dalle demo prosegue con una nuova storia che si colloca a 17 anni di distanza, dopo che una catastrofe nucleare ha messo in ginocchio il pianeta.

Game 2019 – L'anno che verrà

Non commettete l’errore di considerarlo un DLC, un’estensione di Far Cry 5 perché New Dawn è tutta un’altra storia, dove i toni si fanno maggiormente survival anche se le mappe e le ambientazioni sono le medesime di Hope County e forse questo potrebbe spiegare il prezzo aggressivo attorno ai 40$. Disponibile per PC, PS4 e Xbox One.

Mappe identiche benché selvaggiamente mutate, con personaggi più in stile Mad Max, imperante anarchia e la legge del più forte che vede al comando del vasto clan degli Highwaymen che muove su scala nazionale, comandato dalle gemelle Lou e Mickey, scese anche nella contea di Hope per razziare e uccidere.

Game 2019 – L'anno che verrà

Il gamer impersona un sopravvissuto votato ad aiutare il prossimo mettendo insieme un arsenale di fortuna per debellare la minaccia. La roccaforte dei Sopravvissuti in cui trovare riparo è base di partenza delle missioni, dove assemblare veicoli e armi. Le modalità sono quelle tipiche di un FPS, che in Far Cry è raffinato, curato al meglio delle possibilità e da cui ci aspettiamo davvero molto in termini di resa grafica, frame rate e colonna sonora multicanale.

Observation

The other side of the machine, ovvero dall’altra parte del computer. Ce lo ha fatto vedere il cult Tron di Disney ma più d’ogni altra opera cinematografica lo abbiamo percepito ascoltando la voce di H.A.L. 9000 in 2001: Odissea nello spazio di Kubrick. Se vi siete chiesti come ci si potrebbe ‘sentire’ dall’altra parte non dovete far altro che attendere l’arrivo della primavera 2019 e il game sviluppato dal britannico NoCode, a cui già si deve l’horror Stories Untold. Observation è un thriller fantascientifico, in cui occorre appunto osservare, indagare.

Game 2019 – L'anno che verrà

Il gamer è il potente computer S.A.M., intelligenza artificiale che torna operativa dopo un misterioso blackout all’interno di una stazione spaziale, quasi tutto l’equipaggio sembra scomparso eccetto la scienziata Emma Fisher, con la quale occorre interagire e aiutare per svelare il mistero dietro la sparizione dei colleghi, aiutandola a decifrare un messaggio che non promette nulla di buono.

Ci si potrà ‘muovere’ per il sistema di controllo della stazione e occorrerà la freddezza di una macchina per prendere decisioni fondamentali.

Game 2019 – L'anno che verrà

A disposizione dozzine di telecamere e terminali ma anche postazioni esternamente al complesso spaziale per mantenere il contatto con l’umana e cogliere elementi utili all’indagine. L’inquietante avventura che forse a più d’uno avrà fatto tornare alla mente l’atmosfera del science fiction horror movie Event Horizon sarà disponibile unicamente su PS4 e PC.


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest