UNIVERSALGRANDE CINEMA 4K
Featured home Hi-Fi Notizie

300.000 dollari possono bastare per un sistema hi-end?

sistema hi-end

Al CEDIA Expo 2019 di Denver Aaudio Imports ha mostrato un sistema hi-end “giramondo” da ben 300.000 dollari. Secondo voi suonava bene?

In uno spettacolo di vera cooperazione internazionale, i produttori hi-fi di sei Paesi hanno unito le forze per mettere insieme uno straordinario sistema hi-end a Denver nella cornice del CEDIA Expo 2019 in svolgimento in questi giorni. Parliamo di un set-up stereo del valore di 300.000 dollari che include componenti provenienti da Stati Uniti, Regno Unito, Corea del Sud, Grecia, Germania e Polonia.

I più esperti avranno riconosciuto dalle immagini i diffusori britannici Wilson Benesch Resolution, che negli Stati Uniti costano la bellezza di 70.000 dollari. L’elettronica del sistema proviene invece dal produttore greco Ypsilon e comprende il preamplificatore valvolare PST100 MkII, una coppia di amplificatori mono push-pull Aelius II e il convertitore valvolare digitale-analogico DAC 1000, per un totale di 100.000 dollari.

300.000 dollari possono bastare per un sistema hi-end?

E non dimentichiamo i rack modulari su misura R1 Carbon sempre di Wilson Benesch, che costano 8.500 dollari l’uno. A fornire la musica è il server Aurender W20SE da 22.000 dollari dalla Corea del Sud, mentre la tedesca HB Design è responsabile del distributore di energia PowerSlave Marble MkII (16.500 dollari). La gestione dei bassi è compito del subwoofer Wilson Benesch Torus che vedete sul pavimento di fronte ai rack.

Dietro i vari componenti si nascondono cavi dello spessore di un pitone. La società americana Stage III ha fornito tutti i cavi di alimentazione e quelli per i diffusori per un costo totale di 67.700 dollari. E, giusto per non farci mancare nulla, ecco le piattaforme antivibranti dell’azienda polacca Stacore per un valore di 15.000 dollari.

Tutta questa meraviglia super hi-end (se ci concedete questa definizione) è stata assemblata e mostrata al CEDIA Expo 2019 dalla società americana Aaudio Imports con sede proprio in Colorado e, a sentire i nostri colleghi di What Hi-Fi? presenti sul posto, questo sistema suonava in modo meraviglioso. C’erano dubbi?


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest